BRINDISI.MERCATO SERALE – PICCIRILLO (CONFESERCENTI): E’ STATO UN FALLIMENTO E LE NOSTRE PERPLESSITA’ ERANO GIUSTIFICATE

Le nostre perplessità erano ampiamente giustificate: il mercato serale nella città di Brindisi non ha alcun senso e serve solo a creare problemi all’intero comparto del commercio.


L’Amministrazione Comunale ha voluto fare una forzatura, accontentando le richieste di una piccola parte del comparto e i risultati sono stati ben visibili ieri sera. I cittadini che si sono recati nel rione Sant’Elia hanno trovato pochissimi ambulanti, a dimostrazione del fatto che una scelta di questo tipo andava concordata con chi opera a livello sindacale all’interno del mondo del commercio.
Quanto accaduto ieri, pertanto, conferma in pieno le perplessità che avevamo manifestato appena appresa la notizia. Da qui l’invito a chi amministra la città ad assumere iniziative confrontandosi preventivamente con le associazioni di categoria”.

E’ quanto afferma Michele Piccirillo, presidente provinciale  della Confesercenti di Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.