PCI Puglia:SANITÀ E CANNIBALISMO

Il piano di destra e centro-sinistra in questi ultimi decenni è stato chiaro: tagli alla sanità pubblica per favorire la privata. Si crea il malcontento e si giustificano quindi ulteriori tagli che producono ulteriore inefficienza. La colpa viene scaricata sui lavoratori della sanità ed intanto i pazienti della medesima classe sociale, stessa parte lesa, abboccano.

Si arriva ad un cannibalismo della classe lavoratrice, che invece di unirsi viene portata a dividersi ed auto-sabotarsi. 

Ad un anno e mezzo dall’inizio della pandemia ancora reparti chiusi, carenze di personale, esternalizzazioni a cooperative sfruttatrici, numero chiuso nelle facoltà di medicina, nessuna volontà di mettere freno all’intramoenia…non è cambiato nulla.

La dove il diritto ad un lavoro fisso e stabile diventa una merce rara da barattare o da distribuire a pochi, diventa anche ragione di odio dove la lotta per avanzare i diritti di tutti i lavoratori viene abbandonata.

Noi Comunisti lavoriamo ancora per l’unità dei lavoratori e per un sistema che segua i loro bisogni.

 ( “Sono 2.839 le imprese attive nel settore della «sanità e assistenza sociale» in Puglia. Negli ultimi dieci anni sono aumentate di 1.114 unità, pari al 65 per cento (ce ne erano 1.725 a fine 2010).. In particolare, 921 hanno sede in provincia di Bari ; 207 in quella di Barletta-Andria-Trani ; 295 in quella di Brindisi ; 361 in quella di Foggia ; 678 in quella di Lecce e 371 in quella di Taranto” FONTE: uno studio condotto da Davide Stasi, responsabile dell’Osservatorio economico Aforisma)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.