BRINDISI.Cobas:situazione a costa morena per sir

Il Sindacato Cobas incontrerà la ditta Sir, che si occupa della movimentazione del carbone insieme alla compagnia portuale Briamo per la centrale Enel Federico II, lunedì 30 Agosto dove chiederà il rientro di tutti i lavoratori lasciati fuori dalla nuova gara Enel perché c’è bisogno di loro.

Quello che si sta verificando in questi giorni sulle banchine di Costa Morena sono  tagli calati dall’alto dall’Enel da Roma che trovano  però difficile applicazione reale sul campo; forse  dovuti alla fretta di cominciare anzitempo la fuga da Brindisi da parte dell’Enel.

Il Sindacato Cobas invierà nelle prossime ore alla società elettrica una immediata richiesta di incontro per sanare una situazione che sta diventando per colpa dei tagli sempre più esplosiva.

Il Sindacato Cobas ha dichiarato su questi temi nei giorni scorsi lo stato di agitazione con conseguente blocco degli straordinari ,che vengono continuamente richiesti ai lavoratori ;chiediamo inoltre ai lavoratori della compagnia portuale Briamo di essere uniti a quelli della Sir per combattere insieme oggi le decisioni dell’Enel .

Il Sindacato Cobas vuole unire tutti i lavoratori della Centrale Enel per combattere oggi le ingiustizie di Enel con le sue gare-truffa e per costruire domani una alternativa occupazionale già presentata in Prefettura a Brindisi,partendo dalla prima richiesta che è quella di mettere in sicurezza i lavoratori più anziani con uno scivolamento che li porti alla pensione.

Il Cobas porterà la protesta nei prossimi giorni al Comune di Brindisi per chiedere al Sindaco di Brindisi di organizzare  una manifestazione a Brindisi bloccando tutte le attività ; per poi andare in tanti a Roma  dove chiedere al Governo che vengano realizzate le  legittime richieste di un territorio sempre più trascurato come quello brindisino.

 

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.