A MESAGNE NUOVI FONDI PER LA LETTURA DAL MINISTERO DELLA CULTURA

Con decreto n. 550 dello scorso 1° settembre, la Direzione generale delle Biblioteche e Diritto d’autore ha approvato l’elenco dei comuni beneficiari della misura prevista dal decreto del Ministro della Cultura n. 191 dello scorso 24 maggio 2021.

Il Comune di Mesagne potrà beneficare del “fondo emergenze imprese e istituzioni culturali” concernente il sostegno del libro e dell’intera filiera dell’editoria libraria, un settore particolarmente colpito dalla crisi causata dall’emergenza epidemiologica.

Attraverso la Biblioteca comunale “Ugo Granafei” siamo pronti ad avviare le procedure per incrementare il patrimonio librario anche attraverso l’acquisto di volumi che potranno essere suggeriti dai cittadini”, ha dichiarato il sindaco Antonio Matarrelli. I suggerimenti delle pubblicazioni da acquisire potranno essere inviate entro il prossimo 20 settembre  alla posta della pagina facebook “Città che legge – Biblioteca comunale “Ugo Granafei” o indirizzate a biblioteca@comune.mesagne.br.it. Per conoscere il patrimonio della Biblioteca di Mesagne basta accedere a http://opac.provincia.brindisi.it/SebinaOpac/.do e cercare in elenco. “In attesa di riprendere le attività previste nell’ambito del progetto “Città che legge”, si riparte con questa piccola ma significativa buona notizia di oltre 9mila euro da spendere per la promozione della lettura nelle librerie del territorio”, ha spiegato Marco Calò, consulente cittadino alle Politiche culturali e scolastiche.
L’istanza per l’ammissione al contributo è stata curata dall’ufficio Biblioteca di Mesagne coordinato dalla dott. Alessia Galiano, direttore scientifico di Museo e Biblioteca.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.