MARINA MILITARE: IL 9 SETTEMBRE A BRINDISI LA CERIMONIA IN RICORDO DEI MARINAI CADUTI IN MARE

Giovedì 9 settembre, alle ore 11.00, la Marina Militare celebrerà a Brindisi la “Giornata della  memoria dei marinai scomparsi in mare” a perenne ricordo dei marinai, militari e civili, che hanno  sacrificato la loro vita al servizio della Patria, facendo del mare il loro sacrario. 

La commemorazione, giunta al 78° anniversario, si svolgerà presso il monumento nazionale al  “Marinaio d’Italia. 

Il monumento, inaugurato il 4 novembre del 1933 ed eretto per iniziativa della Lega Navale Italiana,  è stato costruito per commemorare i caduti in mare al servizio della Patria e conserva nella cripta  sacrario, posta alla base, le lastre in marmo nero con i 6850 nomi dei marinai della Marina da guerra  e di quella mercantile caduti in servizio a partire dal 1860. La scelta di erigerlo nella città di Brindisi  fu presa alla luce del ruolo centrale che ebbe la città salentina durante la Grande Guerra, ruolo  suggellato dal conferimento, nell’ottobre del 1919, dell’onorificenza della Croce di Guerra da parte  dell’ammiraglio Paolo Thaon di Revel. 

Data importante e carica di significato storico, il 9 settembre è l’anniversario degli affondamenti  della corazzata Roma e dei cacciatorpediniere Vivaldi e Da Noli avvenuti all’indomani dell’armistizio  e durante i quali persero la vita otre 1700 marinai. 

La cerimonia sarà presenziata dal Sottosegretario di Sato alla Difesa, senatore Stefania Pucciarelli e  dal Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone oltre a numerose autorità civili e militari.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.