Rider aggredito a Brindisi: identificato uno degli autori

Identificato uno degli autori dell’assalto al rider avvenuto a Brindisi nella tarda serata del 1° maggio scorso in questa piazza Cairoli.

Il responsabile dell’insano gesto, un minore, nella giornata di sabato 4 settembre u.s. è stato sottoposto al provvedimento cautelare della permanenza in casa, così come disposto dal GIP del Tribunale per i Minorenni di Lecce su richiesta dell’Autorità Giudiziaria che ne aveva originariamente richiesto la misura maggiormente afflittiva della custodia cautelare in struttura per minori.

Il minore, in concorso con altri soggetti, lo scorso 1° maggio aggrediva un rider dell’azienda Deliveroo, che si trovava fermo su un marciapiede, in sella alla sua bicicletta, intento a consultare  le informazioni relative ad una consegna, facendolo rovinare in terra e colpendolo furiosamente con calci e pugni. L’immediata attività di indagine di questa Squadra Mobile, coordinata dalla Procura della Repubblica per i Minorenni, ha consentito di raccogliere elementi di reità tali a carico del minore tanto da giungere alla misura cautelare della permanenza in casa. 

La Polizia di Brindisi  è tuttora al lavoro per identificare gli altri autori dell’aggressione ai danni del giovane rider attraverso la testimonianza del malcapitato e l’analisi dei filmati dell’aggressione. Gli investigatori non escludono alcun movente data la brutalità con cui il gruppo si scagliava contro il giovane rider. L’operazione di polizia giudiziaria di Brindisi si inserisce in una più ampia serie di eventi analoghi verificatisi negli ultimi tempi su scala nazionale ai danni di questa categoria di lavoratori.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.