Adoc Brindisi:Destano curiosità le immagini di operai all’opera per l’installazione di una barra automatica in prossimità di uno degli ingressi all’area di Piazzale Spalato.

Destano curiosità le immagini che stanno circolando in queste ore di operai all’opera per l’installazione di una barra automatica in prossimità di uno degli ingressi all’area di Piazzale Spalato.

Un dispositivo,  stante la nota diramata dall’amministrazione comunale di Brindisi, rientrante nel sistema di sicurezza previsto dal Piano di Protezione Civile relativo al rischio idrogeologico dell’area posta alla foce del canale Patri.

Una comunicazione che rassicura sotto il profilo della fruibilità dell’area parcheggio, che rimarrà interdetta solo in concomitanza con particolari eventi climatici, ma che pone, ancora una volta, l’accento sulla pericolosità dell’area dal punto di vista idrogeologico senza che vengano messe in campo azioni di prevenzione atte a preservare l’incolumità dei cittadini e dei loro beni. Ricordiamo, infatti, nonostante la presenza della sede della Questura e di centinaia di abitazioni ed attività  commerciali, come costantemente trascurata sia la manutenzione e la pulizia del canale Patri invaso da vegetazione spontanea, detriti e rifiuti ingombranti. La latitanza del Consorzio Arneo trova accondiscendenza nell’indifferenza dell’amministrazione comunale che per prima contribuisce con denaro pubblico a sostenere un ente inutile non tanto per le finalità quanto per l’inoperosita’. A rendere ancor più pericolosa la situazione l’inadeguatezza del canale rispetto ai volumi di smaltimento delle acque rivenienti dell’entroterra e l’inutilità, così  come progettata e realizzata, di un’opera idraulica come la vasca di espansione ridotta ad un enorme distesa di fango.

Ma c’è un altro aspetto che merita chiarezza il finanziamento di 5 milioni di € approvato ed annunciato dalla giunta regionale nel 2016 per mitigare il rischio idrogeologico del canale Patri attraverso la progettazione e la realizzazione di opere idrauliche. Sono trascorsi cinque anni ma di interventi neanche l’ombra!  


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.