IL PUNTO DI VISTA “ Il mancato finanziamento nel Bando Sport e Periferie è un’offesa ad un patrimonio della città e del territorio come la pista di atletica leggera di Contrada Masseriola “.

Lo sport  è salute, è  “ fare comunità”, è condivisione  e sinergia,     tutti elementi che vanno tuttavia salvaguardati con fatti, progettualità non ostacolate ( come purtroppo, spesso avviene) da eventi   “ esterni” o da una burocrazia sempre più dannosa, insistente, fallace ( contesto in cui, dobbiamo dirlo, fa la propria parte negativamente una certa politica), idee  che devono anche essere  “ innovative e coraggiose”.

Lo sport, naturalmente, non è solo competizione, agonismo, ma anche  strutture, impianti, che devono essere valorizzati, salvaguardati,  questo un problema  ad    esempio  ( entriamo già nello specifico…) che riguarda  da diverso tempo la città  , il territorio  brindisino.

Grandi  e significativi passi in avanti, per quanto riguarda  Brindisi,  sono stati compiuti,  grazie  all’ impegno  e ai progetti   messi in campo  dall’  Amministrazione Comunale  guidata dal Sindaco  Riccardo  Rossi, ma c’è ancora tanto, tanto da fare  e lavorare, laddove  continuano a sussistere situazioni degradanti,  non più accettabili,   ancora  in attesa di soluzioni definitive . E  Il problema ( ma  vogliamo anche  chiamarlo paradosso ? )  è in questi casi, che  le soluzioni dipendono , anche e soprattutto,   dalle  decisioni altrui,  particolarmente  nello sport  e strutture, settore che ha bisogno di  una programmazione  a largo raggio  e costante, di una grande sinergia  tra tutte le parti ( istituzioni, enti, federazioni) in causa .

Emblematico, negativamente, il caso  della pista  di  atletica  leggera  di Contrada Masseriola( intitolata alla memoria del prof. Lucio Montanile), un  vero e proprio patrimonio della città di Brindisi  e il territorio che in tutti questi anni ( a partire dagli anni 80,  ma anche prima)  ha visto   gareggiare ed allenarsi in competizioni nazionali e internazionali    fuoriclasse come Pietro  Mennea, crescere  sempre più  tecnici  e società gloriose come ad esempio  la  Folgore  ( che hanno valorizzato giovani, atleti  inseriti  nel circuito nazionale come Daniele  Corsa  ).

Ma  un patrimonio  ( e lo ribadiamo, assolutamente senza polemica,  ma soprattutto con una certa  preoccupazione  ancora esistente, alla luce degli ultimi eventi  di cui  parleremo) in tutti questi anni  abbandonato  a se stesso,   sotto il profilo della manutenzione,  insomma di tutti quegli aspetti e parti strutturali   legate , anche e soprattutto, alla sicurezza  e serenità degli atleti, le società,  le famiglie, gli utenti .

Una situazione di degrado non più accettabile, di cui  la politica , le istituzioni  ( ma non  solo…) devono fare ammenda, ereditata  dall ‘ Amministrazione Comunale  “ targata” Centro  Sinistra  guidata  da Riccardo  Rossi , che, inutile girarci intorno,  si è davvero presa in carico una  “ patata bollente” .  Mancanza  dei requisiti minimi di igiene  e sicurezza, crepe  e buche in diversi settori della pista, degrado  e mancanza di manutenzione negli spogliatoi fatiscenti , solo  per segnalare alcune delle gravi problematiche  più volte segnalate   dalla stessa Fidal  Brindisi ( e attraverso diversi articoli  da parte del sottoscritto e la redazione) alle istituzioni e la Regione  Puglia .

Istanze  recepite   in questi anni, ad esempio, dall’ Assessore   comunale allo SPORT   Oreste  Pinto, che  più volte  si è incontrato con i rappresentanti  della Fidal  Brindisi  e i responsabili  dell’ impianto,  attivandosi poi ( insieme al  Sindaco  Riccardo  Rossi   )  nel presentare   un progetto dell’ Amministrazione ( con apposita richiesta di finanziamento) nell’ ambito  del  Bando   governativo  “ Sport  e Periferie “. 

Dunque, una soluzione tanto attesa, non più procrastinabile, vanificata  (  almeno per il momento) dall’  “ amara sorpresa”  annunciata dalla stessa  amministrazione brindisina  attraverso  una nota stampa .   “ Progetto  escluso  dalla graduatoria  delle istanze finanziate  perché ritenuto privo  di una parte della documentazione necessaria “:

Ma come ? Potrebbe dire qualcuno…    “ oltre il danno alla beffa”…..  ci mancava anche questa  in una vicenda  atavica,  diventata a questo punto anche paradossale, non  più accettabile dalla comunità ( sportiva e non ) brindisina, che sperava, spera  in una svolta  per una struttura che non può essere abbandonata al proprio   destino .  

Tuttavia, precisa  l’ Amministrazione  Comunale  brindisina  :  “  al seguito  di una verifica  espletata dall’ ufficio competente,  la documentazione presentata risulta invece  completa di tutto ciò  che era previsto nel  bando  . Per questa ragione, nella giornata odierna, sarà presentato  ricorso   e richiesta di accesso agli atti  al fine di ottenere  una revisione della graduatoria  “.

E’  evidente, innanzitutto, la delusione, lo scoramento di chi , quotidianamente, opera  e lavora, con tanta passione,  nella struttura.  Inevitabilmente, qualcuno   dovrà dare delle spiegazioni, e chissà    perché….. lo sguardo, l’ attenzione  è rivolta, anche  e soprattutto,   a quella pseudo – burocrazia   che ( non è la prima volta, anche per quanto riguarda il territorio brindisino)  danneggia ogni progettualità, iniziativa  utile  alle comunità.  Ma, è evidente, anche la politica  deve dare risposte  e vigilare.

Tutto  ciò lo esige, in primo luogo,  un patrimonio sportivo, di socializzazione e condivisione, che non vuole, non può più essere  offeso , insieme  alla propria storia .


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.