Nuovi servizi e campi da tennis: il CT Brindisi vince il bando “Sport e Periferie”

Nell’ambito del bando “Sport e Periferie” il Circolo Tennis Brindisi ha ottenuto un finanziamento di 700mila euro. Un progetto finalizzato alla riqualificazione e al potenziamento dell’offerta sportiva e sociale: nuovi campi da tennis e padel, adeguamento dei servizi. 

Concluso l’iter di valutazione e ricevuta l’ufficialità dei progetti sovvenzionati, il Circolo Tennis Brindisi nell’ambito del bando “Sport e Periferie” ha ottenuto un finanziamento pubblico di 700mila euro. 

Si tratta di un Fondo istituito dal Governo per realizzare interventi edilizi per l’impiantistica sportiva, volti al recupero e alla riqualificazione degli impianti esistenti, nonché al potenziamento dell’agonismo e allo sviluppo di quella che è la cultura sportiva all’interno del territorio. Un progetto ambizioso tra tanti – 3380 proposte pervenute da tutta Italia – presentato dal sodalizio brindisino il 30 ottobre 2020, oggi approvato e finanziato con punteggio 46 ai sensi del comma 4 dell’art.1. 

Il Circolo Tennis di Brindisi si rifarà il look e potenzierà l’offerta sportiva e sociale all’interno di una struttura che conta sessant’anni di storia. Come da progetto, redatto dall’ingegnere Cosimo Trabacca, componente del Consiglio direttivo deliberante all’epoca della presentazione della domanda, diversi e numerosi sono gli interventi in programma quali: la sistemazione della viabilità pedonale interna;  la conversione di due campi da tennis, che attualmente in terra rossa diventeranno in cemento; la realizzazione di un nuovo campo da padel; la sostituzione o l’adeguamento delle recinzioni delle aree da gioco; l’adeguamento degli impianti elettrico e termico; l’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Prevista anche la manutenzione straordinaria del blocco palestra e dell’area servizi con interventi importanti come, tra gli altri, la realizzazione di bagni e servizi accessibili a tutti, con particolare attenzione agli utenti disabili; l’inserimento del sistema di azionamento elettronico delle docce e dei miscelatori; l’inserimento di un sistema di scarico lineare per le docce. 

Angelo Argentieri, presidente del CT Brindisi

Un club completamente rinnovato, moderno e tecnologicamente avanzato, adeguato secondo la normativa vigente, un’isola felice nel cuore della città che sarà all’avanguardia anche dal punto di vista del superamento delle barriere architettoniche e della sostenibilità ambientale, con l’obiettivo di continuare a contribuire fattivamente alla crescita sportiva e sociale della città. 

«Il consiglio direttivo – afferma Angelo Argentieri, presidente del C.T. Brindisi – esprime profonda gratitudine verso coloro che attivamente hanno partecipato alle varie fasi del progetto in qualità di consiglieri e di consulenti, rispetto a quelle che sono le loro competenze e i rispettivi ruoli all’interno della struttura. Questo senza dimenticare chi all’interno dell’Amministrazione comunale ha contribuito alla esecuzione degli step autorizzativi dal momento che il suolo interessato dagli interventi del progetto è di proprietà del Comune di Brindisi. Adesso, occorre rimboccarsi le maniche per fare in modo quanto prima di cominciare e terminare i lavori. Siamo solo all’inizio. Sarà il più grande restyling nella gloriosa storia del nostro sodalizio». 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.