AREA MARINA PROTETTA DI TORRE GUACETO: CONTROLLI E SANZIONI PER ATTIVITA’ DI PESCA SPORTIVA

La Capitaneria di porto di Brindisi ha intensificato le attività di controlli in mare al fine di prevenire il  fenomeno della navigazione e della sosta con mezzi nautici all’interno delle acque dell’Area  Marina Protetta di Torre Guaceto. In particolare, nei giorni scorsi a seguito di segnalazione  pervenuta dal Consorzio di gestione dell’A.M.P., la dipendente Motovedetta CP 578 è intervenuta 

con immediatezza tra la Riserva Marina e località Specchiolla del Comune di Carovigno,  individuando e controllando un conduttore unità da diporto intento ad effettuare attività di pesca  sportiva, a mezzo di numero due palangari con numero di ami superiore a quello consentito per  legge. Il trasgressore, per tale illecito amministrativo è stato sanzionato per un importo di 1000,00 

euro oltre al sequestro amministrativo degli attrezzi da pesca utilizzati.  

Inoltre, la predetta Unità navale durante l’attività di Polizia marittima ha effettuato un sequestro penale a carico di ignoti, di un palangaro da pesca posizionato in un’area di mare estesa tra il  limite nord fino all’interno della ZONA “C” dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto. 

L’azione ha messo in risalto la proficua sinergia da sempre posta in campo tra Ente gestore e  Capitaneria di Porto nell’ambito della tutela di un bene così prezioso ed esclusivo per l’intero  territorio, per la cittadinanza e per i turisti. 

Le sanzioni applicabili nel caso di inosservanza di norme in materia di aree marine protette sono  di natura amministrativa o penale a seconda che gli illeciti vengano commessi in una delle tre  differenti aree della c.d. “zonizzazione” dell’A.M.P.. All’uopo, tutta la normativa di riferimento è  reperibile sul sito del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto al seguente link:  http://www.riservaditorreguaceto.it/

Brindisi, 28 dicembre 2008. 

Nel ricordare a tutti gli utenti del mare il rispetto delle norme di sicurezza sia a terra che in mare,  la disciplina di tali attività è reperibile nella sezione “ordinanze” del sito istituzionale della  Capitaneria di Porto di Brindisi al seguente link:  http://www.guardiacostiera.gov.it/brindisi/Pages/ordinanze.aspx. 

Si ricorda che per segnalare comportamenti illeciti sono attivi, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, il  numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica  cpbrindisi@mit.gov.it, mentre per le sole emergenze in mare e sulle spiagge il numero blu 1530, oltre al Numero Unico di Emergenza 112.- 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.