ASILI NIDO, D’AMATO (GREENS) SCRIVE A VON DER LEYEN: SUD SVANTAGGIATO DA BANDO PNRR, INTERVENGA

In allegato la lettera

“Il bando del Pnrr per il finanziamento degli asili nido è un palese tradimento degli obiettivi generali e specifici previsti dal Recovery fund. Come avevamo denunciato già in passato, questo bando è stato congegnato in modo da destinare il grosso delle risorse alle regioni più ricche del Paese, a danno di quelle povere dove non solo tali strutture sono più carenti, ma dove il tasso di occupazione femminile è più basso. Non so se Bruxelles abbia chiaro questo, ma i primi fondi dei 191,5 miliardi del Pnrr sono stati assegnati attraverso una gara che per ‘rimuovere gli squilibri economici e sociali’ prevede che i fondi europei per asili nido e materne debbano andare prioritariamente a Varese, Parma e Ferrara, e non a Casal di Principe, Bagheria e Noto, tanto per citare degli esempi concreti. Ecco perché ho nuovamente scritto alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, affinché possa intervenire chiedendo al governo di modificare i criteri del bando. Von der Leyen ama ribadire l’importanza della promozione dell’occupazione femminile e della conciliazione tra vita e lavoro. Questo bando, così come altri previsti dal Pnrr, amplifica l’impatto sociale ed economico della crisi, in particolare sulle donne delle regioni meridionali, e aumenta la divisione economica, sociale e territoriale. Speriamo che se ne accorga, visto che il governo dei migliori e i partiti che lo sostengono fanno orecchie da mercanti”. Lo dice l’eurodeputata dei Greens/EFA, Rosa D’Amato.

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.