CISL e UIL tornano ad alzare l’attenzione sull’Agenzia Regionale Irrigui e Forestali della Regione Puglia.

 “Negli anni sono di frequente cambiati i vertici dell’Ente, è stato nominato un nuovo Assessore, ma quello che non cambia mai è l’approccio alla gestione della Regione Puglia rispetto alla fondamentale missione dell’Agenzia sul territorio ed alle condizioni dei lavoratori in regime di somministrazione lavoro” dichiarano Vulcano (NIDIL), De Matteis (FELSA) e Toma (UILTEMP).

In tanti, anche legittimamente, in questi giorni si sono stupiti delle cifre che compongono i capitoli di spesa del bilancio di Arif. “La crescente ricerca al di fuori di Arif di collaborazioni e manodopera è per noi un dato preoccupante. Si tratta, infatti, di risorse che potrebbero essere risparmiate o investite valorizzando il personale diretto e somministrato già a disposizione dell’Agenzia. In particolare,” continuano i segretari di Nidil, Felsa e Uiltemp “a preoccuparci è, da un lato, la scarsa lungimiranza di chi dirige l’Agenzia rispetto anche alle prospettive occupazionali ed alla qualità dell’occupazione creata; dall’altro, il fatto che l’Arif non mostra alcuna propensione al risparmio quando si tratta di guardare al proprio esterno, mentre taglia e cuce, in base a quel poco di risorse che residuano, le spettanze da riconoscere al personale somministrato”. I sindacalisti pretendono estrema chiarezza, “le leggi nazionali, la contrattazione collettiva nazionale ed il Cirl non lasciano spazi a fraintendimenti: i somministrati hanno diritto al medesimo trattamento economico dei dipendenti assunti dall’Azienda utilizzatrice. Questo non avviene facilmente in Arif: si risparmia grazie alla percorrenza pagata meno di quanto previsto dalla contrattazione collettiva di secondo livello, straordinari o festivi non sempre riconosciuti, e potremmo continuare con il pagamento delle reperibilità, la distribuzione dei dispositivi di protezione individuali e così via.” Vulcano (NIDIL), De Matteis (FELSA) e Toma (UILTEMP) concludono: “Chiediamo chiarezza rispetto alle intenzioni della Regione circa l’Arif e riconoscimento e la valorizzazione delle professionalità e competenze del personale in regime di somministrazione lavoro. Se questa richiesta di chiarezza non sarà soddisfatta non ci fermeremo, neanche questa volta, davanti al chiacchiericcio di ricatti, a fronte della possibilità di intraprendere con forza e vigore la strada della mobilitazione e delle vertenzialità per veder finalmente riconosciuto quanto spetta a questi lavoratori. 

Segreterie regionali Puglia

       NIDIL CGIL                        FELSA CISL                   UILTEMP UIL

Maria Giorgia Vulcano        Elena De Matteis             Andrea Toma


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.