Fondi PNRR, On. Valentina Palmisano (M5S): “Le amministrazioni del Mezzogiorno non saranno lasciate sole”

«Fondi vincolati: il 40% del Pnrr al Mezzogiorno non è in pericolo. Ora serve vincere insieme questa sfida». La volontà è quella di rafforzare il dialogo. Consolidare una sinergia quanto mai necessaria in questo momento storico. E’ quanto ritiene l’On. Valentina Palmisano (Movimento Cinque Stelle).

La parlamentare pugliese interviene dopo i timori avanzati negli ultimi giorni da diversi amministratori del centro-sud sul futuro delle risorse presenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. «Quello che è necessario in questa fase è creare una coesione territoriale sempre più forte. Ogni periferia, ogni borgo grande e piccolo che sia, deve essere messo nelle condizioni di non perdere questa opportunità unica di sviluppo. Ed è per questo che come Movimento Cinque Stelle – continua l’on. Valentina Palmisano- abbiamo fatto approvare una norma che vincola questi fondi per il Mezzogiorno». C’è poi un altro aspetto che sta emergendo in questi giorni: la dotazione di personale per portare avanti i progetti. «Le amministrazioni non saranno lasciate sole. Già con il governo Conte 2 abbiamo avviato un primo Piano di occupabilità e come Movimento Cinque Stelle anche in questi giorni daremo il nostro contributo proprio su questo fronte. Noi siamo pronti – conclude la parlamentare brindisina- a sostenere iniziative e progetti che possano alimentare processi di sviluppo continui in quelle che sono le nevralgiche del Mezzogiorno. Penso ad esempio ad un turismo sostenibile in grado di valorizzare le eccellenze delle regioni meridionali».


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.