L’ importanza di fare sport , nella vita di Remigio Guarini, sino alla passione per il culturismo

Lo sport  è  “ metafora  di vita”, è   sacrificio, impegno, passione, è, anche e soprattutto, un  “ percorso virtuale”, da intraprendere  quando si è anche in difficoltà, si vuole acquisire, in un certo senso, una certa serenità, “ pace con se stessi”.

Storie  di persone, uomini, ragazzi, che  hanno iniziato dalle discipline  sportive, per credere in qualcosa, prefigurarsi degli obiettivi  .

Come    quella  del brindisino  Remigio    Guarini  che,  come da lui stesso dichiarato, “ attraverso lo sport, sin da piccolo,  ho imparato a soffrire, a migliorarmi”, sino  alla  passione  per il culturismo – bodybuilding,  le  competizioni .

Remigio, in quest’ ultimo periodo,   più volte si è rivolto  a chi scrive, alla nostra redazione, sì  per raccontare ( maggiormente) la propria storia, ma, anche e soprattutto, per  “ lanciare un messaggio  a chi  intende  dedicarsi  a qualsiasi disciplina sportiva, a chi, attraverso lo sport, vuole valorizzare la propria vita.

“   Tutti, chi mi vuol bene, conoscono la mia grande passione per il culturismo e bodybuilding – afferma   Remigio , la  mia costanza nel  migliorare il fisico, mantenermi   in forma.  Qualcuno può pensare   che questo sia  dovuto, in qualche maniera, a mania di protagonismo, narcisismo, ma  non è cosi’.   Per me , invece,  è un modo  per sentirmi vivo, esaltare  il sacrificio  e l’ impegno, sfidare me stesso, credere  che, nonostante le difficoltà, nella vita nulla è impossibile.  Ho sempre creduto  nello sport , era il mese di maggio del 1990  quando  inizio  a  praticare   karate, nuoto,   kickboxing  e tennis, poi  la boxe , come  anche pallanuoto  e  atletica   leggera.  Insomma, non mi facevo mancare niente, sino  a quando  i miei genitori   non mi  comprano   una bicicletta a rotelle, altra mia  passione… diciamo contrastata  dai miei    che temevano cadessi  . Invece, proprio  in quell’ occasione  ho capito  che la caparbietà,  la tenacia, avrebbero  fatto parte della mia vita, sino a vincere un’ edizione  di Brindisi  in Bicicletta  “.

Insomma, Remigio  ci racconta  le sue prime esperienze sportive,  “ fondamentali, con il passare degli anni,  per capire che, in qualche disciplina  specifica, potevo essere veramente competitivo, orgoglioso e contento di   me stesso”.   Ed  allora , continuando….   “ dopo    tra l’ altro  sette anni di tennis  e ben  9 anni di boxe  praticati  da dilettante,  mi avvicino  pian piano  al bodybulding  tra    i  12 e 14 anni,   innamorandomi  praticamente di  questa disciplina, che mi ha cambiato la vita”.

Già,  proprio  questa  simbiosi, “ sport – vita personale”, raccontata  da un ragazzo che ( sia pure , non entrando nei dettagli), fa capire di avere avuto    “un’ infanzia vivace”  e quanto  , sinora, l’ abbia aiutato  la sua disciplina sportiva preferita , sino, come detto, alle gare e competizioni .

“ Credetemi,  il bodybuilding     e culturismo fanno solo bene, al fisico e alla psiche .  Dopo 3, 4  anni, il mio fisico  è migliorato, ma, ripeto, non è narcisismo, è   un qualcosa  che è legato, in senso  generale, ad un mio stato di benessere che mi da fiducia, consapevolezza, determinazione .   15  anni  di bodybuilding- culturismo , con gare e competizioni  a cui ho partecipato con successo, gioie, ma anche delusioni, ostacoli, ma io non mi fermo .

Mi alleno continuamente, e sono pronto per altri trofei, altre sfide, nei prossimi mesi, tra Bari, Gioia  del Colle, altri bei  posti in Italia .  Non arrendersi mai, questo voglio dire  a chi ama lo sport, a chi, attraverso le discipline sportive vuole praticamente rinascere”.

Già,  lo sport, l’ allenamento, come  “ metafora”della  vita  .


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.