BRINDISI.«ARIAFERMA», TORNANO LE PROIEZIONI AL CINEMA TEATRO IMPERO

Un film bello, rigoroso e importante per ricominciare. La sala del Cinema Teatro Impero di Brindisi torna a fare programmazione a partire dal prossimo fine settimana. Da venerdì 22 a domenica 24 ottobre sarà protagonista il nuovo film di Leonardo Di Costanzo, «Ariaferma», presentato fuori concorso all’ultima Mostra di VeneziaSpettacoli ore 18.30 e 20.30, ingresso € 6, ridotto € 4.50.

Il film vede per la prima volta insieme, protagonisti, Silvio Orlando e Toni Servillo. Attorno a loro attori conosciuti, come Fabrizio Ferracane (Nastro d’argento per Il Traditore di Marco Bellocchio), Salvatore Striano (Cesare deve morire dei fratelli Taviani) e un cast di volti nuovi, scoperti dal regista e formati in mesi di prove e laboratori: Roberto De FrancescoPietro GiulianoNicola SechiLeonardo CapuanoAntonio Buil e Francesca Ventriglia

 Un vecchio carcere ottocentesco, situato in una zona impervia e imprecisata del territorio italiano, è in dismissione. Per problemi burocratici i trasferimenti si bloccano e una dozzina di detenuti con pochi agenti rimangono in attesa di nuove destinazioni. In un’atmosfera sospesa, le regole di separazione si allentano e tra gli uomini rimasti si intravedono nuove forme di relazioni.

Un sorprendente Toni Servillo si mostra in una veste drammatica a cui non siamo del tutto abituati. Un ritratto di una realtà poco considerata, quella di un carcere di provincia abbandonato a se stesso e alle poche guardie giurate che devono gestire dodici uomini finiti dietro le sbarre per i crimini più disparati. «Ariaferma» è un’intensa e profonda indagine emotiva che mostra il confine sottile tra i buoni e i cattivi e, senza accadimenti particolari o inutili colpi di scena, regala allo spettatore due ore di umanità persa e poi ritrovata con un realismo che stupisce ed emoziona.  

Come scrive il critico Federico Gironi sul magazine Comingsoon, il film «Ariaferma, in qualche modo, è un Deserto dei Tartari delle prigioni. È il racconto di una sospensione, di una situazione anomala e carica di tensione, che comprime e sintetizza le dinamiche carcerarie (e forse non solo), portando all’evidenza tutta la loro assurdità».

 «In quelle mura corrose ci sono due microcosmi conviventi e, al contempo, separati dalle sbarre e dai reciproci ruoli. Il che non impedisce le divisioni all’interno dei singoli gruppi», scrive il critico Giancarlo Zappoli sul magazine MyMovies.

Scrive il critico Valerio Sammarco sul magazine Cinematografo: «Non è un film sulle condizioni delle carceri italiane. È forse un film sull’assurdità del carcere. Leonardo Di Costanzo ci rinchiude all’interno di un vecchio istituto di pena, situato in una zona remota e imprecisata del territorio italiano. Fatiscente e in dismissione, questo luogo diventa teatro di un momento di improvvisa sospensione».


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.