Cia Puglia.Le aree rurali soffrono da anni per la carenza di presidi sanitari Carrabba: “Auguri di buon lavoro ai nuovi direttori generali del servizio sanitario regionale. Occorre potenziare l’assistenza territoriale e domiciliare nelle aree interne”

“I migliori auguri di buon lavoro ai nuovi direttori generali e ai commissari delle aziende ed enti del servizio sanitario regionale. Auspichiamo che si possano gettare le basi per un rapporto di collaborazione nell’interesse dei pugliesi”.

È quanto comunicano CIA Agricoltori Italiani della Puglia e l’Associazione nazionale dei Pensionati, chiedendo una maggiore attenzione per le aree rurali e non solo.

“Da quando è iniziata l’emergenza coronavirus, mai come in questo momento – afferma il presidente di Cia agricoltori italiani della Puglia, Raffaele Carrabba – la rapidità delle decisioni è fondamentale. Le aree rurali e quelle interne, più lontane dai grandi centri urbani, soffrono da anni per la carenza di presidi e strutture sanitarie, oltre che di servizi per la prevenzione e la cura delle patologie. Occorre potenziare l’assistenza territoriale e domiciliare  nelle aree interne e rurali, elemento essenziale per la difesa delle categorie più deboli e più esposte alla pandemia”.

L’Anp Cia denuncia, inoltre, una emergenza economica e sociale dei pensionati che, a causa della emergenza sanitaria, spesso sono abbandonati a se stessi e in una condizione di sofferenza anche economica. “Molte persone – aggiunge Carrabba – non riescono a curarsi negli ospedali e si stanno abbandonando al loro destino. Per questo chiediamo maggiore impegno e attenzione da parte delle istituzioni regionali e comunali in favore di questa categoria di persone”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.