Presentata la Stagione teatrale 2021/2022 della Città di Mesagne in collaborazione col Teatro Pubblico Pugliese

Sul palco: Peppe Vessicchio, Michele Placido, Enzo Decaro, Fabio Troiano, Factory Compagnia Transadriatica, Claudio Casadio e Andrea Paolotti, Pino Ingrosso.

Il prossimo 23 gennaio Peppe Vessicchio con “La Musica fa crescere i pomodori” aprirà la stagione teatrale 2021/2022 del Comune di Mesagne in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. La stagione, programmata al Teatro Comunale, prevede in tutto sette appuntamenti con alcuni dei nomi più noti della scena nazionale. Dopo lo spettacolo – concerto del Maestro Vessicchio che lontano dai riflettori si dedica allo studio delle relazioni tra la musica e la crescita delle piante spiegando come Mozart aiuta i pomodori a crescere meglio, al contrario di Beethoven, mentre i Beatles fanno bene a melanzane e zucchine, sul palco del Teatro Comunale salirà il 10 febbraio il grande e carismatico Michele Placido, uno dei volti più amati e conosciuti del mondo del cinema e dello spettacolo italiano con “La Bottega del Caffè” di Carlo Goldoni per la regia di Paolo Valerio, in una commedia che da subito si annuncia corale, interessata a diverse figure e vicende, incentrata su un microcosmo attraverso cui Goldoni tratteggia uno sfaccettato affresco sociale e umano.

Il 23 febbraio farà un tuffo nella storia Enzo Decaro con “Non è vero ma ci credo” (recupero stagione 2019/2020), la commedia in tre atti scritta da Peppino De Filippo nel 1952 con la regia di Leo Muscato: il protagonista di questa storia assomiglia tanto ad alcuni personaggi di Molière che Luigi De Filippo amava molto. L’avaro, avarissimo imprenditore Gervasio Savastano, vive nel perenne incubo di essere vittima della iettatura. A un certo punto le sue fisime oltrepassano la soglia del ridicolo: licenzia il suo dipendente Malvurio solo perché è convinto che porti sfortuna. Sembra il preambolo di una tragedia, ma siamo in una commedia che fa morir dal ridere. E come lui il 15 marzo anche Fabio Troiano ne “Il Dio bambino” per la regia di Giorgio Gallone su testo e musiche di Giorgio Gaber e Sandro Luporini che a 30 anni di distanza si conferma un testo di incredibile forza e attualità, cinico ma commovente.

Il 4 marzo Factory Compagnia Transadriatica e Fondazione Sipario Toscana porteranno in scena “La bisbetica domata” di William Shakespeare per la regia di Tonio De Nitto. Factory ritorna ad affrontare Shakespeare dopo le felici prove del Sogno e di Romeo e Giulietta, insistendo ancora una volta su una lettura corale e visionaria dove la musica e la rima concorrono a restituirci una sorta di opera buffa, caustica e comicamente nera.

Il 24 marzo sul palco del Teatro Comunale ci sarà Claudio Casadio con Andrea Paolotti in “La Classe di Vincenzo Manna per la regia di Giuseppe Marini, e con Valentina Carli, Cecilia D’amico, Carmine Fabbricatore, Edoardo Frullini, Andrea Monno, Giulia Paoletti in cui quello che doveva essere solo un corso pomeridiano di recupero crediti per studenti sospesi per motivi disciplinari si trasforma presto in un’intensa esperienza di vita che cambierà per sempre il destino del professore e degli studenti.

E infine, il 9 aprile chiuderà la stagione di Mesagne Pino Ingrosso, la voce solista di Nicola Piovani, con “Note di un viaggio”, un viaggio teatrale musicale che scandisce, con leggerezza e un pizzico di nostalgia, modi, tradizioni, costumi e usanze del Salento rivissuti attraverso i ricordi d’infanzia, i racconti degli anziani, le sonorità tipiche, colori, suoni e profumi capaci di rievocare una civiltà ancestrale comune non solo al Sud d’Italia, ma a tutti i Sud del mondo. Uno spettacolo sulla poetica della terra, quindi, e sulla filosofia degli antichi saperi; un percorso di aiuto nella riflessione, il regalo di una nuova prospettiva che ci aiuti a riflettere su come siamo, per meglio comprendere come dovremmo essere.

«La città di Mesagne investe sulla cultura, insostituibile opportunità di riscatto per un’umanità che anche grazie alle chiavi di lettura offerte dal teatro diventa interprete di questo tempo, con le sue speranze e le sue trasformazioni. Adesso la parola passa al pubblico e agli abbonati che, sono certo, risponderanno con la fiducia e l’entusiasmo che la proposta culturale merita», ha commentato il sindaco di Mesagne,Antonio Matarrelli nel corso dell’iniziativa di presentazione del cartellone che si è tenuta stamattina presso il Comune di Mesagne. «La stagione di Mesagne mette in bilico profondità ed emozione, leggerezza e coraggio, perché se la salvezza è nel Teatro, come diceva Eduardo, allora non possiamo non riappropriarci di uno spazio di verità indispensabile come non mai. La stagione che presentiamo ci restituisce tutti i privilegi del Teatro. Nessuno escluso. Perché il Teatro “in presenza” è meglio che “online”», ha dichiarato Roberto Romeo, consigliere di amministrazione del Teatro Pubblico Pugliese. «Il Comune di Mesagne ha scelto ancora una volta di scommettere sulla cultura come strumento di ripartenza. Tornare a teatro significa tornare a sentire l’attesa del sipario e gli applausi alla fine, tornare a vivere. Noi come Teatro Pubblico Pugliese siamo lieti di accompagnare l’amministrazione in questo percorso che torna a portare la luce sul palco del Teatro Comunale», spiega Sante Levante, direttore del Teatro Pubblico Pugliese.

«La valorizzazione del teatro è un impegno che quest’Amministrazione continua ad assicurare attraverso una programmazione variegata, in linea con gli impegni assunti in occasione della candidatura della città a Capitale italiana della Cultura per il 2024: la stagione di prosa si affianca agli appuntamenti di cinema, musica e agli spettacoli delle compagnie locali», ha sottolineato Marco Calò, consulente comunale alle Politiche culturali e scolastiche. «La continuità di gestione che il Comune di Mesagne ha inteso garantire rappresenta un altro aspetto rilevante ai fini della costruzione di un percorso di prospettiva di lungo respiro, che consentirà di programmare ed investire con maggiore serenità in un settore di riferimento per la cultura cittadina», ha concluso Carmelo Grassi, che ha preso parte alla conferenza stampa di presentazione della stagione di prosa in qualità di rappresentante del soggetto gestore del Teatro Comunale di Mesagne.

Info su: www.teatropubblicopugliese.it.


Città di Mesagne – Settore Spettacolo

Teatro Pubblico Pugliese

Teatro Comunale

Stagione teatrale 2021/ 2022

 

ABBONAMENTO A 7 SPETTACOLI

Platea e Palchi Centrali – € 70

Palchi Laterali – € 49

Loggione – € 30

 

BIGLIETTI

Platea e Palchi Centrali – Intero € 15 / Ridotto € 13

Palchi Laterali – Intero € 10 / Ridotto € 9

Loggione- € 6

CONDIZIONI GENERALI DI ABBONAMENTO 

La tessera di abbonamento non è personale e dovrà essere esibita quale titolo d’ingresso al personale di sala. 

I biglietti ridotti saranno concessi esclusivamente ai giovani under 25 anni, alle persone di oltre 65 anni, ai giornalisti iscritti all’ODG Puglia, ai possessori di Carta Più La Feltrinelli, ai dipendenti militari e civili dell’Esercito Italiano Puglia e Capitanerie di Porto Puglia, ai soci Touring Club Italiano, ai soci FAI, agli associati FITA Puglia. 

I documenti attestanti il diritto alla riduzione dovranno essere esibiti all’atto dell’acquisto e, a richiesta, al personale di sala. Le riduzioni non sono cumulabili.

CONDIZIONI GENERALI per ABBONATI alla Stagione Teatrale 2019/20
I tre spettacoli della stagione 2019/2020 annullati verranno sostituiti con i seguenti spettacoli: LA MUSICA FA CRESCERE I POMODORI, LA BOTTEGA DEL CAFFE, NON È VERO MA CI CREDO.
I titolari degli abbonamenti della Stagione 2019/20 che non hanno richiesto il rimborso mediante l’emissione di voucher potranno rinnovare la sottoscrizione dell’abbonamento alla Stagione 2021/2022 e, avendo già corrisposto il prezzo per i tre spettacoli da recuperare dalla stagione 2019/2020, dovranno corrispondere i seguenti importi per completare l’abbonamento a 7 spettacoli.
Platea e Palchi Cntrali € 40
Palchi Laterali € 28
Loggione € 18

Prelazione per i Vecchi Abbonati 

La prelazione avverrà da lunedì 3 gennaio a venerdì 14 gennaio 2022, dal lunedì al venerdì, dalle ore 17.00 alle ore 20.00. 

 

Nuovi Abbonamenti e Vendita dei Biglietti 

I nuovi abbonamenti e i biglietti dei singoli spettacoli saranno messi in vendita nei giorni 17, 18, 19, 20, 21gennaio 2022 dalle ore 17.00 alle ore 20.00 presso il Teatro Comunale. 

Il botteghino del teatro sarà aperto la sera di spettacolo a partire dalle ore 18.30.

È possibile, inoltre, acquistare i biglietti online e in tutti i punti vendita Vivaticket dal 17 gennaio 2022. 

Il TPP è accreditato a 18app e Carta del Docente per consentire l’acquisto di abbonamenti e biglietti rispettivamente ai giovani 18enni e ai docenti titolari del bonus. 

 

Voucher Vivaticket

Sarà possibile utilizzare i voucher generati dal sistema Vivaticket, esclusivamente se intestati al Teatro Pubblico Pugliese. 

ORARIO DELLE RAPPRESENTAZIONI

Serali: porta ore 20.30 / sipario ore 21.00

Non sarà consentito l’accesso in sala a spettacolo iniziato.

Il presente programma potrà subire variazioni, indipendenti dalla volontà degli organizzatori, che saranno comunicate tempestivamente secondo gli usi.

 

INFO

Teatro Comunale

Via Federico II di Svevia

Tel. 339.1338519

Schede stagione teatrale


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.