PLASTICA MONOUSO: VIETATA LA VENDITA DAL 14 GENNAIO 2022 (SALVO ESAURIMENTO SCORTE)

È stato pubblicato in G.U. il D.Lgs. 8 novembre 2021 n. 196, che contiene misure volte a prevenire e ridurre l’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente. La nuova normativa entra in vigore il prossimo 14 gennaio 2022, si tratta del decreto attuativo della direttiva (UE) 2019/904.

È vietata l’immissione sul mercato dei prodotti di plastica monouso, dei prodotti di plastica oxo-degradabile, degli attrezzi da pesca contenenti plastica, una volta esaurite le scorte.

Per il dettaglio, si faccia riferimento ai prodotti elencati nella parte B dell’allegato al Dlgs 196/2021

I principali prodotti soggetti a queste restrizioni sono:

  1. Bastoncini cotonati
  2. Posate
  3. Piatti
  4. cannucce
  5. agitatori per bevande
  6. aste da attaccare a sostegno dei palloncini
  7. contenitori per alimenti in polistirene espanso
  8. contenitori per bevande in polistirene espanso e relativi tappi e coperchi
  9. tazze o bicchieri per bevande in polistirene espanso e relativi tappi e coperchi

La messa a disposizione di prodotti in violazione del nuovo decreto legislativo è punita con una sanzione da 2.500 a 25.000 euro, che si applica anche nel caso di prodotti con caratteristiche difformi o privi dei requisiti di marcatura.

Si rimanda al decreto legislativo 8 novembre 2021 n. 196 per ulteriori approfondimenti.

Artigiani e commercianti del settore alimentare potranno contattare gli uffici di Confartigianato per avere un elenco dettagliato dei prodotti che da oggi è vietato vendere.

 

Il Direttore 

  Teodoro Piscopiello 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.