Europa Verde – Verdi Brindisi parteciperà al sit-in organizzato dalla Comunità Africana di Brindisi in data sabato 22 gennaio p.v. alle h 15:30 in Piazza Crispi.

La nostra adesione, assieme ad associazioni, sindacati e ad alcuni partiti politici, ha lo scopo di porre attenzione sulle morti di due lavoratori e di un giovane detenuto migrante. Queste tragedie sono avvenute in appena quattro giorni: chiediamo maggiore giustizia sociale, maggiore rispetto, maggiore sicurezza sul lavoro e condizioni di vita dignitose per tutte le persone, senza distinzioni e discriminazioni.

Una manifestazione che coinvolge tutti ed è rivolta anche agli italiani vittime del caporalato, dello sfruttamento o che lavorano in condizioni sfavorevoli.

Noi come Europa Verde, controtendenza a politiche salviniane e della Lega (vedi D.L., 04/10/2018 n° 113, G.U. 03/12/2018), sosteniamo politiche di emersione del lavoro nero, è in virtù dell’art. 1 della Costituzione Italiana, non accettiamo che la presenza di migranti non in regola con il proprio Permesso di Soggiorno risultino “invisibili” allo Stato e sfruttati nel lavoro.

Europa Verde Brindisi sostiene e condivide la lotta per i diritti promossa dalla Comunità Africana ed invita tutti coloro che, come noi sentono questa necessità, a partecipare alla manifestazione.

 

Europa Verde – Verdi Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.