DIMISSIONI OLIVA, CAROLI (FDI): IL DISASTRO RIGUARDA TUTTA LA GESTIONE DELLA SANITA’ NEL BRINDISINO, CHIEDO AUDIZIONE URGENTE DEI VERTICI DELLA ASL

“Se un professionista come il dottor Arturo Oliva, peraltro presidente dell’Ordine dei Medici di Brindisi, getta la spugna e si dimette dopo pochi giorni da direttore del Distretto sanitario Francavilla Fontana e Ceglie Messapica, denunciando un ‘disastro’ a 360 gradi, è evidente che il DISATRO non riguarda solo il distretto in questione, ma tutta la ASL di Brindisi dove il direttore generale, Pasquale, è destinato ad altro incarico, una nuova ASL che dovrebbe gestire gli appalti nella Sanità pugliese, ma della quale non si hanno notizie  e proprio per questo non viene nominato chi dovrebbe subentrare, Roseto.

Chiaramente a catena non si hanno notizie dei nuovi direttori sanitari e amministrativi. Insomma, un caos che vede nelle dimissioni di Oliva solo la punta di un iceberg che fa presumere che non solo il distretto di Francavilla Fontana e Ceglie Messapica versa in condizioni al limite della legalità (pratiche ferme, nessuna assistenza domiciliare e l’elenco dei deceduti non aggiornato), ma anche altre realtà sanitarie brindisine.

“Per questo motivo chieder? con urgenza, in Commissione Sanità, l’udienza sia del dottor Oliva, sia dei vertici della ASL di Brindisi, per fare chiarezza sul piano amministrativo-sanitario.”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.