Francavilla Fontana (Br).Consultazione preliminare di mercato per dare un futuro al centro di carico intermodale

L’Amministrazione Comunale ha dato il via libera all’avvio di una consultazione preliminare di mercato per la locazione del centro di carico intermodale di Francavilla Fontana.

Con questa indagine – spiega il Sindaco Antonello Denuzzo – interroghiamo il mercato per comprendere se esiste un interesse verso la struttura e a quali condizioni. L’obiettivo è dare un futuro ad un’area in completo stato di abbandono su cui sono stati investiti ingenti fondi pubblici senza alcun beneficio per la collettività.

Il Centro di Carico Intermodale e di Servizi Commerciali e reali si estende su una superficie di 12 ettari con un piazzale esterno per la sosta degli automezzi di 400 mq. La struttura originaria si sviluppa in 5 capannoni di circa 2.000 mq e un edificio per uffici di 3000 mq.

La sua collocazione in contrada Tiberio, inclusa nella ZES Jonica, rappresenta una preziosa opportunità per gli investitori che possono sfruttare a pieno le potenzialità di questo complesso immobiliare e di riflesso creare nuove opportunità lavorative per i francavillesi. In base alla normativa prevista dalle ZES, le imprese che decidono di investire nelle zone economiche speciali potranno beneficiare di sgravi fiscali, di procedure burocratiche semplificate e dell’accesso ad infrastrutture di livello superiore. Resta ferma, tuttavia, l’intenzione dell’Amministrazione Comunale di non consentire insediamenti produttivi per lo svolgimento di attività insalubri.

Le condizioni per il lancio di quella che sino ad oggi è una cattedrale nel deserto ci sono tutte. Probabilmente – prosegue l’Assessore all’Urbanistica Nicola Lonoce – senza la pandemia il precedente bando avrebbe avuto un esito diverso. L’indagine non riguarderà gli aspetti urbanistici e non potrà contenere progetti che possono arrecare danni alla salute pubblica. Insieme agli uffici valuteremo le proposte progettuali che ci arriveranno e assumeremo decisioni nell’esclusivo interesse pubblico.

Intanto, sempre in materia di sviluppo produttivo, nella giornata di venerdì 28 gennaio approderà nella Commissione Consiliare presieduta da Fabio Montefiore la proposta di delibera relativa alla variante alle norme tecniche di attuazione della zona PIP così come licenziata dalla Regione Puglia. L’argomento, che sarà trattato nella prossima seduta del Consiglio Comunale, consentirà di fare un ulteriore passo in avanti nella riorganizzazione funzionale dell’area PIP consentendo insediamenti produttivi nel settore commerciale e dei servizi.

Stiamo ricevendo diverse sollecitazioni per la definizione di un cronoprogramma per gli interventi della zona PIP. In realtà – conclude l’Assessore Lonoce – siamo in una fase in cui i tempi sono stabiliti dalla legge. Una volta approvata dal Consiglio la variante, si aprirà la fase delle osservazioni che, per sua natura, è imprevedibile. Pur comprendendo che le imprese attendono questo momento da più di 40 anni, preme sottolineare come l’Amministrazione stia lavorando a questi provvedimenti sin dal suo insediamento, a prescindere da qualsivoglia tipo di sollecitazione.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.