BRINDISI.La Medicina nucleare del Perrino si conferma centro Pet/Ct di eccellenza

Per il terzo anno consecutivo, l’Unità operativa complessa di Medicina Nucleare dell’ospedale Perrino di Brindisi ha ottenuto il riconoscimento di centro accreditato di eccellenza Pet/Ct nel programma Earl della European Association of Nuclear Medicine. 

L’unità diretta da Artor Niccoli Asabella si è guadagnata il prestigioso bollino di qualità anche grazie alle oltre 5800 prestazioni diagnostiche effettuate nel 2021, circa 3000 delle quali sono state Pet. Quello del Perrino è uno dei 10 centri Pet/Ct accreditati in Italia e l’unico in Puglia.

“Oltre a essere una garanzia per il paziente – spiega il primario – il conseguimento dell’attestato di eccellenza rappresenta un’opportunità per la Medicina Nucleare brindisina per poter partecipare ai progetti di ricerca che dovessero svilupparsi nei nostri ospedali. L’importante, per ottenere questo riconoscimento, è garantire la continuità nel tempo dei requisiti raggiunti, superando le verifiche periodiche dell’ente che assicurano che il nostro centro rispetti i criteri di qualità necessari. Il riconoscimento è frutto del lavoro sinergico di un gruppo di professionisti composto da medici nucleari, tecnici di radiologia medica, infermieri professionisti e oss dell’unità operativa di Medicina Nucleare e dall’importantissimo contributo dato dal servizio di Fisica Sanitaria del Perrino, guidato da Maria Giovanna Natali, che si occupa dei test per la certificazione di qualità”. 

“Fisica Sanitaria – afferma Natali – garantisce la corretta esecuzione dei controlli secondo gli standard richiesti dall’ente certificatore. Siamo orgogliosi di riuscire a centrare e a mantenere i livelli richiesti sin dal 2020”. La responsabile dell’esecuzione dei controlli è Eleonora Maggiulli che spiega: “Per ottenere l’accreditamento è necessario eseguire controlli di qualità con frequenza trimestrale e annuale. I test si svolgono utilizzando dei “fantocci” che simulano il corpo umano e una soluzione di acqua distillata e fluoro 18, lo stesso isotopo radioattivo usato per gli esami sui pazienti. I controlli richiedono livelli di precisione molto elevati, sia nella fase di progettazione che in quella di esecuzione. Fisica Sanitaria si occupa di acquisire le immagini e di trasmettere i dati delle simulazioni all’ente certificatore: solo se i risultati rispondono ai requisiti richiesti da Earl, la struttura ottiene la certificazione”. 

Niccoli Asabella sottolinea che “questo attestato è importante per la Asl non solo perché è un traguardo raggiunto ma perché rappresenta la base di partenza per migliorare e continuare a offrire un servizio sempre più avanzato. Su questo punto, siamo fiduciosi per il rinnovo del parco tecnologico delle apparecchiature grazie alle risorse che verranno dal Pnrr”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.