Somministrati Arpal, Mazzarano: “Solo un mese di proroga, Consiglio regionale e lavoratori presi in giro”

“Non ci sarà la proroga dei somministrati Arpal fino a giugno così come stabilito dalla legge dì bilancio approvata in Consiglio regionale a dicembre ma solo di un mese fino al 24 aprile.

Per questo motivo annuncio che non parteciperò più ai lavori dì queste commissioni, ma la battaglia politica e sindacale per la tutela dei lavoratori si sposta in piazza”.
Lo dichiara il consigliere regionale del Pd, Michele Mazzarano, durante la seduta congiunta delle Commissioni VI e II che si è tenuta stamattina in Consiglio Regionale.
“Da mesi assistiamo ad un continuo scaricabarile sulle responsabilità e sulla mancanza dì risorse tra l’assessorato al Lavoro, quello al Bilancio e Arpal – ha illustrato Mazzarano – senza addivenire ad una soluzione quando sarebbe bastato dare seguito alla proposta dì attingere le risorse necessarie dal bilancio autonomo della Regione così come da me avanzata nella prima bozza dell’emendamento alla legge dì bilancio dì dicembre.
“Ci sarà tempo e modo dì approfondire le responsabilità che ci hanno condotto oggi a rincorrere un problema che si sarebbe potuto risolvere con semplicità. Quello che non è più accettabile – ha continuato il consigliere regionale – è dì assistere ad una assoluta mancanza dì strategia credendo di poter intervenire di volta in volta mettendoci una toppa”.
 “Ringrazio i colleghi presidenti di entrambe le commissioni per la disponibilità dimostrata e tutti i commissari – ha concluso Mazzarano – ma il nostro impegno non finisce qui. Ci sono altri strumenti per la battaglia politica e sindacale, compresa la mobilitazione dì piazza”.  


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.