BRINDISI.Tavola rotonda sull’ Autismo presso Palazzo Nervegna

Una serie di iniziative all’ insegna della consapevolezza, riflessione, sinergia. VIDEO INTERVISTE.

L’ Autismo, una grave problematica che oramai “ ci appartiene“, fa sempre più preoccupare, riflettere, per la gravità, l’ impatto, qualitativo e quantitativo, sulla vita delle famiglie che quotidianamente soffrono, convivono con la problematica.

Ed anche nel territorio brindisino, i dati parlano chiaro, in termini di aumento dei casi, soggetti autistici, non solo minori, che vanno sostenuti, aiutati, attraverso iniziative, opere di sensibilizzazione, progettualità che hanno bisogno di essere immediatamente concretizzate .

E’ un tema molto caro, a chi scrive e al nostro giornale, e non ci stancheremo mai di invitare tra l’ altro il mondo istituzionale ad essere più “ operativo e concreto“ su una problematica “non ancora del tutto conosciuta“.

Dunque, per combattere l’ Autismo, ma anche , in un certo senso, coglierne “gli aspetti positivi e propositivi, nel segno della responsabilità e della consapevolezza“, è essenziale una grande sinergia tra tutte le realtà del territorio e della comunità, le istituzioni, le famiglie, la scuola, i Centri di Assistenza, le amministrazioni locali, il sistema sanitario, le associazioni, il mondo del volontariato .

Quelle realtà protagonisti di una Tavola rotonda sull’ Autismo che si è tenuta giovedì pomeriggio presso la Sala Università di Palazzo Nervegna a Brindisi, nell’ ambito delle “ Giornate per la consapevolezza sull’ Autismo“, le iniziative organizzate dall’ Istituto Comprensivo Casale Brindisi, con l’ impegno in prima linea della professoressa Daniela Russo.

All’ iniziativa, che ha in sostanza voluto anche fare uno “stato dell’ arte“ sugli impegni, le progettualità messe in campo sull’ Autismo, hanno partecipato, tra gli altri, la Dirigente Scolastica del Comprensivo Casale MariaVittoria Caprioli, i Dirigenti Scolastici delle scuole che hanno immediatamente aderito all’ iniziativa ed hanno in sinergia messo in campo progettualità , la Scuola Polo dell’ inclusione IPSEOA “Sandro Pertini“- l’ Istituto “Morvillo Falcone“ di Brindisi con lo Sportello per l’ Autismo, docenti, i rappresentanti delle Associazioni di genitori operanti nel territorio ( IL BENE CHE TI VOGLIO , Angsa Brindisi, Coloriamo il Mondo, ASD Giochiamo il Mondo), le famiglie, l’ Assessore comunale ai Servizi Sociali Isabella Lettori, il nuovo Direttore Generale Asl Brindisi Flavio Roseto, la dott.ssa Maria Grazia Pasca in rappresentanza del CAT (Centro Autistico Territoriale Brindisi), il Presidente Consorzio BR 4 dott. Antonio Calabrese, i quattro ambiti sociali per l’ inclusione, i rappresentanti dei Comuni .

Una Tavola rotonda preludio poi all’ iniziativa sotto le Colonne Romane, in una “due giorni“ che non sarà certamente dimenticata ed ha contribuito, sicuramente, ad accrescere la consapevolezza nella città e nel territorio . Gli aquiloni, realizzati dagli Istituti scolastici aderenti all’ iniziativa, fatti volare da alcune imbarcazioni.

Le nostre Video Interviste dicono tutto, su quanto si sta facendo, sotto il profilo istituzionale e non solo, su quanto ( e molto) si deve ancora fare, sulla grande sinergia che ad esempio stanno mettendo in atto i Comuni del territorio, sulle istanze delle famiglie e delle associazioni, l’ impellente necessità di dare un futuro migliore ai soggetti autistici .

Foto Marcello Altomare

VIDEO INTERVISTE


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.