Fonti Fossili, Vianello (ALT): sono il primo Deputato italiano ad aderire al Trattato internazionale contro la proliferazione dei combustibili fossili, auspico grande adesione.

“Non abbiamo più tempo, occorre agire ora e con determinazione, per questo ho sottoscritto il Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili” – dichiara Giovanni Vianello deputato tarantino di Alternativa e primo parlamentare della Repubblica Italiana ad aderire al Trattato. 

“Bisogna agire velocemente per gestire una vera transizione ecologica rapida ed equa lontano da carbone, petrolio e gas a livello globale. Il Trattato è un’iniziativa internazionale promossa da oltre 2750 scienziati, 1328 organizzazioni, 40 città e già 150 milioni di persone in tutto il mondo, tra gli illustri sostenitori c’è anche il Dalai Lama. Se da una parte sono orgoglioso – continua Vianello-  di essere il primo Parlamentare della Repubblica Italiana ad aver aderito sono al contempo estremamente deluso che nessuna istituzione italiana abbia aderito, ma auspico una quanto più grande partecipazione possibile. L’importante è che oltre alla sottoscrizione da parte delle amministrazioni e dei politici, occorrerà una vera strategia di riduzione di utilizzo di combustibili fossili affinchè non sia solo un’affiliazione di facciata. Anche i singoli cittadini – conclude Vianello – possono aderire e promuovere qualcosa di utile al pianeta e alle generazioni future e contestualmente vigilare sull’operato delle istituzioni.  Invito tutti ad attivarsi sottoscrivendo il trattato al sito internet https://fossilfueltreaty.org/  e a pressare le istruzioni affinché si attivino per il pianeta e i nostri figli”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.