Carovigno (Br).Al via il festival che celebra il re degli strumenti Il pianoforte sulle corde di Rameau

Concerto danzato di Luca Ciammarughi sul genio del Barocco . VI edizione  sabato 18 giugno, ore 20.30

S’inaugura il 18 giugno, alle 20.30, nello splendido cortile del castello Dentice di Frasso, a  Carovigno, in provincia di Brindisi, la sesta edizione del festival itinerante Piano Lab  organizzato dalla Ghironda con la collaborazione di Marangi Strumenti Musicali e la Steinway  & Sons. Per l’appuntamento di apertura della manifestazione, interamente dedicata al  sovrano degli strumenti tenendo insieme splendore della musica e bellezza dei luoghi, il  direttore artistico Luca Ciammarughi, pianista di fama internazionale e tra i più apprezzati  divulgatori dell’universo «classica», sarà protagonista di un concerto danzato nel quale sarà  affiancato da Pablo Ezequiel Rizzo e Alessandra Cozzi della prestigiosa Scuola d’arte  drammatica “Paolo Grassi” di Milano, talenti che si esprimono con i linguaggi del corpo. Lo  spettacolo s’intitola «Sulle corde di Rameau» e vede i tre artisti dialogare sulle origini della  moderna armonia forgiata nel Settecento dal celebre compositore francese a partire dagli  esperimenti sul monocordo. Autore di numerose composizioni per clavicembalo, Jean Philippe Rameau si dedicò, infatti, non solo alla carriera teatrale ma anche alla stesura del  «Traité de l’harmonie reduite à ses principes naturels», tra gli scritti teorici più importanti della sua epoca con cui segnò, per l’appunto, la nascita della moderna teoria dell’armonia. 

Un appuntamento di prestigio per l’avvio di Piano Lab che, con Ciammarughi direttore  artistico, sino al 14 agosto esplorerà il mondo degli ottantotto tasti in lungo e in largo. Non  solo concertista, ma anche conduttore di popolari trasmissioni radiofoniche, scrittore e  conferenziere, Ciammarughi è, infatti, un instancabile ideatore di progetti. E, come dice lui,  «in attesa di decidere cosa fare da grande», continua ad occuparsi di musica a  trecentosessanta gradi, da Rameau sino al Novecento, come testimoniano diverse sue  incisioni discografiche, spesso premiate con cinque stelle dalle maggiori riviste di settore.  

Paolo Isotta, il temibile critico del Corriere della Sera scomparso poco più di un anno fa, scrisse  che «le interpretazioni di Ciammarughi sono di altissimo livello e mettono capo a una ricerca  timbrica quale può essere concepita solo da un artista nato nel Novecento». E il pianista  milanese, da uomo dei nostri giorni, è arrivato anche a ripensare la figura del musicista come  «messaggero di cultura», in maniera seria ma anche divertente, dopo una lunga riflessione  sulle profonde trasformazioni dell’attuale scena artistica.

Dal 2007 è quotidianamente in onda su Radio Classica. E la sua trasmissione «Il pianista» è  divenuta un punto di riferimento per gli appassionati. Attratto dai rapporti fra musica,  individuo e società, ha scritto anche una serie di libri che riguardano non solo l’interpretazione  pianistica («Da Benedetti Michelangeli alla Argerich»), il repertorio («Gli indispensabili. 30  capolavori per pianoforte da ascoltare almeno una volta nella vita»), l’esegesi del testo («Le  ultime sonate di Schubert – Contesto Testo Interpretazione») e l’approfondimento  monografico («Schubert. Le opere»), ma anche i rapporti fra musica e politica («Soviet Piano.  I pianisti dalla rivoluzione di ottobre alla guerra fredda»). 

Insomma, molto più di un artista: un intellettuale a tutto tondo che con lo spettacolo «Sulle  corde di Rameau» si propone di rappresentare in forma scenica la propria attitudine alla  ricerca e al dialogo tra i linguaggi. 

L’appuntamento è organizzato in collaborazione con l’associazione «Le Colonne» di Brindisi.  Biglietti 10 euro (prevendita inclusa). Info pianolab.me – 080.4301150. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.