GEMELLAGGIO SINDACALE TRA UNARMA E IL PIÙ GRANDE SINDACATO DELLA POLIZIA NORVEGESE

Norvegia chiama, Unarma risponde sui diritti delle Forze dell’Ordine. Si è tenuto il 15 giugno a Roma il brief conoscitivo tra due sigle sindacale iconiche in Europa per i diritti delle Forze dell’Ordine.


Unarma, attiva sul territorio italiano dal 1993, ha tenuto infatti un confronto con la delegazione del più importante sindacato di polizia norvegese, Politiets Fellesforbund, che oggi raccoglie il 98% delle forze dell’ordine in Norvegia. Politiets Fellesforbund nelle ultime settimane ha contattato personalmente l’associazione sindacale Unarma
per chiedere un parere sulla gestione delle problematiche interne alle Forze dell’Ordine italiane. I rappresentanti delle associazioni sindacali hanno condiviso i loro punti di vista sui salari, sulla tutela legale, sul benessere psicologico del personale, sulle politiche di immigrazione e sull’importanza di una politica europea sulla parificazione salariale europea e molto altro. “Siamo felici di poter anticipare un gemellaggio con i nostri fratelli norvegesi, che come noi mettono la salute delle Forze dell’Ordine in prima linea per la salvaguardia del Paese e dell’establishment europeo”, ha dichiarato Antonio Nicolosi, segretario generale di Unarma. A chiusura incontro,
Unarma e Politiets Fellesforbund hanno deciso di collaborare in futuro a diverse iniziative, volte alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle principali questioni che attanagliano le Forze dell’Ordine, condividendo i rispettivi modelli d’intervento sindacali. Inoltre, Unarma si attiverà presto per poter esportare la propria vision anche in Norvegia, ricambiando il piacevole incontro tenuto con i colleghi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.