TRAFFICO ILLECITO ANIMALI DA COMPAGNIA: OCCHIO ALLE TRUFFE, SOPRATTUTTO SULLA RETE

I CARABINIERI FORESTALI CONTRO UN FENOMENO IN ESPANSIONE .   INTERVENTI ANCHE NEL BRINDISINO, TERRITORIO DI FRONTIERA  

Il crescente interesse della società verso gli animali da affezione, o da compagnia, ha indotto il legislatore italiano, con la legge n. 189 del 2004, a introdurre nel Codice Penale uno specifico Titolo sui delitti contro il sentimento per gli animali, mentre in precedenza era previsto un solo articolo che puniva il maltrattamento con una contravvenzione.

Naturalmente, la ricerca diffusa di piccoli “compagni domestici”, siano essi cani, gatti o altro, ha innescato un giro di affari, diretto ed indotto, di dimensioni rilevanti ed in continua crescita.

Per far fronte ad una domanda ovunque in aumento, il mercato italiano si è in parte, ormai da anni, rivolto ai Paesi dell’ Est europeo per rifornirsi di cuccioli, soprattutto di cani. Si tenga presente che i prezzi di mercato, per questi animali, oscillano mediamente dai 500 ai 1000 euro, a seconda delle razze.

A volte prezzi inferiori possono nascondere difetti nei requisiti per la commercializzazione, con risparmio illecito nei costi: trasporto e detenzione in condizioni non rispettate di benessere, obblighi sanitari e vaccinali non assolti con irregolarità dei passaporti, ecc.

Inoltre, si è ormai diffusa la vendita “on line”, con tanti rivenditori improvvisati, che per lo più non rispettano le condizioni di benessere che possono essere garantite da un allevamento autorizzato.

Nel 2010, con legge n. 201, il nostro Paese ha dato esecuzione alla Convenzione europea di Strasburgo del 1987, sulla tutela degli animali da compagnia, con inasprimento delle pene già previste nel Codice, e l’ introduzione, all’ articolo 4, del delitto di “traffico illecito di animali da compagnia”.

Jpeg

Ai Reparti dei Carabinieri Forestali, giungono su tutto il territorio nazionale non poche segnalazioni di traffici illegali o denunce di persone che ritengono di aver subito una truffa.

Di recente il Nucleo Investigativo (NIPAAF) del Gruppo Carabinieri Forestale di Brindisi ha effettuato sul territorio un sequestro di cuccioli, di provenienza non certificata, nell’ ambito di un’ operazione di contrasto di commercio illegale dalla provincia di Brindisi verso il Nord Italia. Altre situazioni sono all’ attenzione ed oggetto di indagine dei Reparti Forestali dell’ Arma nella terra messapica.

Come è evidente, la vicinanza del territorio ai Paesi dell’ Europa Orientale rappresenta un’ esposizione dello stesso a traffici illeciti, per cui, soprattutto a seguito di segnalazioni raccolte da varie parti d’ Italia, la situazione dei movimenti è costantemente monitorata.

Ai cittadini si raccomanda di prestare la massima attenzione alle vendite “on line” che, se da un lato presentano l’ opportunità di scegliere comodamente “l’ amico a quattro zampe”, e di ottenerlo in tempi rapidi, dall’ altro possono nascondere venditori truffaldini, che dopo aver concluso l’ affare può essere difficoltoso rintracciare. Pertanto, si ritiene di poter raccomandare di non avere fretta nella scelta, ma di informarsi preventivamente sull’ affidabilità di chi propone la vendita, segnalando altresì tempestivamente presunte ipotesi di illecito.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.