ARS VULGARIS A CEGLIE MESSAPICA PER IL FESTIVAL “IL CAMMINO CELESTE”. PRIMA DEL CONCERTO CAMMINO NEI LUOGHI SACRI DEL CENTRO STORICO

Giovedì 28 luglio Ceglie Messapica con un cammino nei luoghi sacri del centro storico e con il concerto del progetto Ars Vulgaris nella Chiesa Madre Maria SS. Assunta prosegue la settima edizione del Festival “Il Cammino Celeste“.

Ideato dalla direttrice artistica Giorgia Santoro e dall’operatore culturale Luigi del Prete, la manifestazione propone fino a sabato 30 luglio percorsi musicali lungo le vie dei pellegrini nella Puglia meridionale. Alle 18:30 (ritrovo in Piazza Sant’Antonio – info e prenotazioni 3391149074) al via il cammino nel centro storico. Alle 21 (ingresso libero fino a esaurimento posti) nella Chiesa Madre Maria SS. Assunta, il progetto Ars Vulgaris – composto da Francesco Savoretti (percussioni medioevali, rinascimentali e mediorientali), David Eggert (violoncello) e Robindro Nikolic (clarinetto e duduk) – proporrà i brani di “Untold Cities”, un album virtuoso, passionale e sorprendente. Il trio è il risultato dell’appassionata ricerca di equilibrio tra classicità e provocazione, tra stili colti e linguaggi di trasmissione orale che hanno contraddistinto le produzioni musicali in volgare. Il progetto è dedicato alle popolazioni multietniche la cui produzione artistica non sempre è stata riconosciuta dalla cultura dominante, e ciò nonostante ha saputo preservare uno stile proprio ed una capacità unica di commuovere le persone sensibili alla bellezza racchiusa nell’autenticità. Ars Vulgaris danza al ritmo delle storie, a volte dimenticate di queste popolazioni ed allo stesso tempo ne immagina di nuove in grado di dialogare con gli stili di compositori come Vivaldi, Scarlatti o Bach. Il suono ci farà viaggiare per il Mediterraneo, l’Europa dell’Est, i Balcani, il Medio Oriente, l’Asia Centrale e l’Africa, culla della civiltà. Un incontro musicale nel quale la raffinatezza illumina addolcisce nella furia.

Sabato 30 luglio, infine, alle 7 dalla Chiesa di Santa Maria d’Aurio a Surbo partirà un cammino lungo l’antica Via Francigena, percorrendo l’attuale percorso cicloturistico delle masserie fortificate: strade in parte sterrate ed in parte asfaltate permetteranno di scoprire il paesaggio agrario intorno al Santuario. Alle 8 (ingresso libero fino a esaurimento posti) il musicista e compositore iraniano Pejman Tadayon con “Rumi e San Francesco”, due figure nella storia del mondo hanno portato all’estremo uno slancio mistico senza eguali e hanno cambiato per sempre la vita spirituale dei loro popoli. Esperto di musica tradizionale persiana e studioso di repertori medievali, Pejman Tadayon ha composto e scelto i brani che danno vita allo spettacolo, utilizzando strumenti antichi della cultura sufi e strumenti medioevali, come la viella e i flauti. Nel corso dello spettacolo vengono interpretati i testi originali di San Francesco e le liriche di Jalaluddin Rumi – tradotte dal Persiano all’Italiano – così da evidenziare gli intrecci, le affinità e la comune origine della rispettiva ispirazione. Il progetto intende, attraverso il parallelismo fra due tra le più insigni personalità spirituali del mondo occidentale e mediorientale, rinnovare un messaggio universale di pace e armonia, per incoraggiare ancora una volta lo scambio fra culture e promuovere il confronto fra religioni.

Il Festival musicale e culturale nasce nel 2016 con l’intento di valorizzare le vie percorse dai pellegrini in viaggio verso Gerusalemme nella Puglia meridionale, con particolare attenzione al percorso che dal porto di Brindisi conduce fino a Santa Maria di Leuca. I pellegrini percorrevano il prolungamento della Via Traiana che nel suo tratto sino ad Otranto assunse il nome di “Traiana Calabra”. Strada romana che si ricongiungeva alla “Sallentina”, altra antichissima strada greco-messapica prima e romana poi, che congiungeva Taranto a Otranto passando per Santa Maria de Finibus Terrae a Leuca.

Su YouTube è disponibile “Il Cammino Celeste“, breve documentario diretto dal regista e videomaker Giuseppe Rutigliano che racconta la storia del Festival. Prodotto da Zero Nove Nove nella programmazione Puglia Sounds Producers 2022 (POC PUGLIA 2007-2013 – Azione Sviluppo di attività culturali e dello spettacolo), il video ospita, infatti, immagini di repertorio e interviste accompagnate da due brani (uno inedito e l’altro dell’ensemble La Cantiga de la Serena), eseguiti dalla flautista, ricercatrice e direttrice artistica Giorgia Santoro in alcuni dei luoghi situati lungo gli itinerari storici (Chiesa della Madonna d’Aurio a Surbo, Chiesa della Madonna di Costantinopoli – Chiesa dei Diavoli a Tricase e il cammino verso Torre del Sasso a Tricase). Protagonisti del video sono anche Luigi Del Prete, ideatore e fondatore del Festival con Giorgia Santoro, e Giovannangelo De Gennaro, figura fondamentale nel binomio musica – cammino.

 

Il Cammino Celeste 
è realizzato in collaborazione con le amministrazioni comunali di Caprarica di Lecce, Ceglie Messapica, Giuggianello, Sannicola, Surbo, Tricase con il patrocinio dell’Associazione europea delle vie Francigene e dell’Associazione Le Comunità ospitanti degli itinerari Francigeni della Puglia meridionale in partenariato con Arci Lecce, Il Giunco, Associazione Meditinere, Asd Mollare mai, Centro di cultura sociale e ricerche archeologiche storiche ambientali di Giuggianello con il sostegno di CityModa, Sara assicurazioni e Villa Vergine. Info e programma www.ilcamminoceleste.it

 

Info, programma e prenotazioni
www.ilcamminoceleste.it
Info concerti: info@ilcamminoceleste.it – 3392063444
Info cammini: walkinsalento@gmail.com – 3478227836
www.facebook.com/festivalilcamminoceleste
www.instagram.com/ilcamminoceleste/


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.