STRADE PROVINCIALI BR, CAROLI (FDI): IN PROVINCIA TUTTI IN FERIE E I LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA SLITTANO

“Le strade provinciali brindisine, dissestate e pericolose, possono attendere! In Provincia sono tutti in ferie… Avevamo sperato che questa non fosse un’altra estate con una viabilità non adeguata al flusso turistico che interessa tutta la provincia, ma in modo particolare la nostra splendida Valle d’Itria.

Un esempio su tutti, che conosco davvero bene: la S.P.24 che collega Ceglie Messapica a Villa Castelli non è nelle condizioni di garantire più i livelli minimi di sicurezza. Ma sembra che al sindaco Giovanni Barletta che non solo è anche consigliere provinciale di maggioranza, ma ha una delega a hoc (Viabilità zona Nord), interessi poco visto che rimane insensibile rispetto alle rimostranze che riceve da parte dei suoi concittadini. Basterebbe andare a fare un sopralluogo perché se ne renda conto.

“Ma né a lui, né al nuovo presidente della Provincia, né ai tecnici interessa tutto questo visto che all’impresa che deve realizzare i lavori hanno inviato una comunicazione nella quale si permettono di posticipare gli interventi di messa in sicurezza delle sedi stradali al loro rientro dalle ferie. Stiamo parlando di lavori aggiudicati e fermi per mesi, tratte di strade provinciali che seguitano ad essere al limite della percorribilità, mentre nel silenzio totale sulle nostre strade si continua a morire.

“Nell’attesa che tutti ritornino dalle ferie, invitiamo il presidente Antonio Matarrelli a prendere in mano la questione della viabilità delle Strade provinciali perché vengano messe in sicurezza. Subito.”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.