BRINDISI.Antelmi – Lega:IL BANCHINAMENTO DI CAPO BIANCO CANCELLA UNA BRUTTA PAGINA DELLA STORIA DI BRINDISI E RENDE PIU’ COMPETITIVO IL PORTO DI BRINDISI

La colmata di Capo Bianco, nel porto esterno di Brindisi, era stata realizzata agli inizi degli anni duemila per ospitare il rigassificatore della British Gas. Poi l’opposizione strumentale delle istituzioni locali e la successiva inchiesta giudiziaria trasformarono quell’area in un monumento all’inefficienza ed alle tante opere incompiute presenti nel nostro paese.

Adesso, però, grazie all’Autorità di Sistema Portuale, è stato finalmente disegnato un futuro differente per Capo Bianco. Quella colmata si trasformerà in un sito con banchine funzionali e con grandi aree retroportuali e potrà diventare strategica ai fini dello sviluppo del territorio in quanto riconosciuta “Zona franca doganale interclusa”, peraltro all’interno della ZES adriatica. 

Una volta completata (e dopo aver superato incomprensibili opposizioni della solita Amministrazione Comunale) questa infrastruttura potrà ospitare in banchina navi mercantili di grandi dimensioni che a loro volta potranno utilizzare piazzali per oltre 140.000 metri quadri. Il tutto, grazie all’utilizzo dei fondi del PNRR.

Brindisi, insomma, è nelle condizioni di spiccare il volo. Ma avrà bisogno del pieno sostegno del Governo nazionale e di istituzioni locali fattive e lungimiranti. 

Per Brindisi, con noi, il futuro è già cominciato!


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.