Adoc Brindisi: bene gli interventi sulla sicurezza stradale, ma non basta! Servono maggiore controllo del territorio ed infrastrutture a norma.

Accogliamo con favore, non poteva essere altrimenti d’altronde, la notizia relativa alla realizzazione di un attraversamento pedonale rialzato in Via Nicola Brandi in prossimità di diversi plessi scolastici oltre che di residenze e strutture socio sanitarie.

Un’opera insufficiente da sola a garantire la sicurezza ma che rappresenta un intervento più volte auspicato dai cittadini, in diverse parti della città, che si concretizza in un’area ad alta densità di traffico veicolare e pedonale specie in alcune ore della giornata. Di contro, l’opera realizzata se da una parte si spera avrà (!?!?) effetti positivi sulle condizioni di sicurezza dei pedoni dall’altra rischia di incidere negativamente sul normale deflusso delle acque meteoriche a meno di interventi migliorativi. Agli accorgimenti di natura tecnica e alla realizzazione delle opere, inoltre, auspichiamo siano affiancate le attività di prevenzione e di controllo del territorio da parte della Polizia locale. Nello specifico i dispositivi di rilevazione delle infrazioni agli incroci semaforici, considerato l’alto numero dei verbali elevati sinora denota un rischio ancora alto mitigato in parte solo dalle continue violazioni ad opera di mezzi privi di identificazione quali bici tradizionali ed elettriche e monopattini che rappresentano la nuova sfida per una mobilità sicura.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.