Scuola, D’Amato (Greens) scrive all’Ue: “Docenti abilitati all’estero esclusi dalle supplenze e precari di serie B, Commissione intervenga”

“I docenti che hanno ottenuto l’abilitazione all’insegnamento all’estero sono stati esclusi dalle graduatorie provinciali per le supplenze scolastiche, perdendo così la possibilità di accedere a incarichi di lunga durata e su base annuale.

In contemporanea, l’orientamento del ministero dell’Istruzione sulla stabilizzazione dei precari prevede ancora, anche per i docenti con tre anni di servizio, percorsi di tipo concorsuale piuttosto che percorsi preferenziali di immissione in ruolo, capaci di assorbire il precariato storico. In sostanza, ci sono precari di serie A, che vengono stabilizzati, e decine di migliaia di insegnanti precari di serie B, lasciati nel limbo. Tutto questo è un grave colpo alla qualità dell’insegnamento nel nostro Paese, e, in ultima istanza, un danno per i nostri studenti. Ma non solo: sia sulle supplenze, sia sulla stabilizzazione dei precari, l’Italia viola due direttive Ue. Per questo, ho scritto un’interrogazione alla Commissione europea affinché indichi quali azioni intende attuare per garantire il rispetto della legge. La scuola dovrebbe essere un presidio di legalità, non un luogo dove le norme e i diritti vengono calpestati”. Lo dice l’eurodeputata dei Greens/EFA, Rosa D’Amato.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.