Polizze vita: INTESA SAN PAOLO VITA s.p.a. condannata a corrispondere la somma di € 108.623,26

Grande entusiasmo in casa “Dalla Parte del Consumatore” per la recentissima vittoria ottenuta  in favore di due associati, assistiti in giudizio dall’avv. Stefano Fusco, legale del Foro di Milano ed attivista dell’Associazione.

La vicenda giudiziale – conclusasi con sentenza, nei giorni scorsi, passata in giudicato – riguarda la  liquidazione in favore degli eredi del beneficiario di una polizza vita.

Ma andiamo con ordine.

Tutto comincia nel 2011, quando una signora stipula una polizza vita con Intesa San Paolo Vita s.p.a., in favore della propria sorella.

Alla morte di quest’ultima, la stipulante rinuncia all’eredità. 

Di conseguenza, unici eredi della beneficiaria della polizza restano un nipote e la madre di quest’ultimo.

Dopo qualche tempo, colei che ha stipulato la polizza vita nomina, attraverso testamento, una primaria Fondazione di ricerca in campo medico, quale propria erede universale, aspetto che, in linea teorica, non dovrebbe avere alcuna interferenza con la posizione giuridica della beneficiaria della polizza e, quindi, con gli eredi della stessa.

Ma così non è.

Intesa San Paolo Vita s.p.a., infatti, si rifiuta di accogliere la richiesta di rimborso della polizza da parte degli eredi della originaria beneficiaria, prematuramente deceduta, eccependo che, in virtù del testamento della stipulante 1/3 delle somme spetterebbe alla Fondazione indicata in testamento quale erede universale della stipulante.

Non riuscendo a risolvere bonariamente la vicenda, i due eredi dell’originaria beneficiaria decidono di agire giudizialmente per la tutela dei propri diritti.

E così, assistiti dall’avv. Stefano Fusco dell’Associazione Nazionale “Dalla Parte del Consumatore”, promuovono un processo civile.

Dopo una durissima battaglia giudiziale, il Tribunale accoglie le richieste del legale dei due eredi dell’originaria beneficiaria della polizza vita condannando la Intesa San Paolo Vita a corrispondere le somme dovute, pari ad € 108.623,26.

 “Quello affermato dal Tribunale è un principio molto interessante” – afferma l’avv. Stefano Fusco – “in quanto nella vicenda in esame gli eredi dello stipulante pretendevano di soddisfarsi anche sugli importi di cui alla polizza, mentre il Tribunale ha chiarito che nulla spetta loro, in quanto le somme di cui alla polizza non entrano nell’asse ereditario dello stipulante, essendo esse destinate unicamente al beneficiario indicato in polizza e, quindi, nel caso specifico, agli eredi di quest’ultimo”.

“Come Associazione siamo molto soddisfatti di questa importante vittoria giudiziaria ottenuta – afferma l’avv. Emilio Graziuso, Presidente Nazionale dell’Associazione “Dalla Parte del Consumatore” – Le polizze vita sono, infatti, un settore particolarmente delicato ed insidioso per i consumatori e, pertanto, sentenze come questa hanno una duplice valenza.

Da un lato, infatti, è stato riconosciuto un diritto in favore dei consumatori direttamente coinvolti nella vicenda, dall’altro, oltre a fare luce a livello interpretativo su aspetti delicati della materia, essa costituisce un precedente utilissimo per tutti coloro che si trovano ad affrontare questioni analoghe”.

Per informazioni: coordinamentoconsumatori@gmail.com; tel. 347 – 0628721; potete seguire la nostra pagina Facebook ed Instagram: Associazione Nazionale “Dalla Parte del Consumatore”.

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.