BRINDISI.Sanitaservice: Sessantotto lavoratori licenziati perché manca l’Amministratore in carica, una vergogna.

La Politica intervenga e ristabilisca il diritto al lavoro.

Sessantotto lavoratori della Sanitaservice di Brindisi saranno licenziati perché manca l’Amministratore in carica. E’ assolutamente vergognosa l’ingiustizia che sta per consumarsi ai danni di 68 famiglie per via di un cavillo burocratico. L’assessore alla Sanità regionale, Rocco Palese, interpellato sulla questione, ha spiegato con una lettera che non è possibile procedere alla proroga dei contratti per via del fatto che alla guida della società c’è un amministratore unico il quale può occuparsi solo delle gestione ordinaria.

I sessantotto lavoratori della Sanitaservice di Brindisi vivono da anni nel precariato. E sono tra quelli che sono stati mandati in prima linea nella trincea quando il Covid mieteva vittime. Non si sono risparmiati mai, hanno lavorato con turni massacranti. E questo è il triste ringraziamento per essersi immolati con abnegazione e spirito di servizio nel periodo più nero della sanità locale, nazionale e mondiale. Definiti «eroi», spremuti come limoni, espulsi dal mercato del lavoro e totalmente mortificati. Una ingiustizia dal punto di vista del lavoro e sociale di una gravità inaudita. 

Non solo. Un perfetto autogol anche dal punto di vista organizzativo data la drammatica carenza di personale della ASL BR ridotto all’osso. Un’assurdità che rischia di ripercuotersi drammaticamente sul futuro di 68 famiglie e sul servizio reso all’utenza.

Nonostante le reiterate richieste di indicazioni, da parte della Direzione generale dell’Asl Br e dello stesso Amministratore unico di Sanitaservice, per garantire a questi lavoratori lo stesso trattamento dei loro colleghi di altre Asl non è arrivata alcuna risposta.

Le scriventi OO.SS. Confederali sostengono l’azione di lotta intrapresa dalle categorie di riferimento e invitano la politica ad intervenire per sanare questa situazione scandalosa ristabilendo il diritto al lavoro. 

 

 

   CGIL                                        CISL                                      UIL

Antonio Macchia              Gianfranco Solazzo     Fabrizio Caliolo

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.