Pdl fine vita. M5S: “Non è competenza della Regione legiferare su una materia così delicata”

“Non può essere una singola Regione a legiferare su una materia così delicata come quella del ‘fine vita’. Siamo assolutamente consapevoli che in Italia ci sia un vuoto normativo sulla questione che deve essere colmato, ma a farlo deve essere il legislatore nazionale, il solo competente a legiferare su questa materia.

Abbiamo votato contro la proposta di legge sul fine vita presentata, perché riteniamo che la stessa sconti concreti profili di incostituzionalità. In commissione ci eravamo astenuti perché auspicavamo che in aula ci venissero chiariti i profili di incostituzionalità della PdL sui quali abbiamo posto l’attenzione, ma così non è stato e invece di dare vita a un dibattito costruttivo (anche da punto di vista giuridico) si è preferito trasformare l’esame della proposta nell’ennesima occasione per esibirsi in aula”. Lo dichiara il gruppo di maggioranza del M5S dopo il consiglio regionale in cui è stata bocciata la proposta di legge sul fine vita.

“La sentenza della Corte Costituzionale integralmente richiamata proprio nella relazione della proposta di legge  – continuano i pentastellati –  interviene solo in ambito penale (reato di cui all’art. 580 c.p.). La proposta di fatto ha provato ad anticipare il contenuto della futura disciplina statale, peraltro invocata dalla stessa Corte, proprio sul presupposto che si tratta di una materia di competenza legislativa esclusiva dello Stato. La natura additiva della sentenza della Corte non è un invito alle Regioni a legiferare sulla materia, ma ai giudici, nell’attesa della norma nazionale, ad applicare direttamente le integrazioni normative nell’eventuale procedimento penale per il reato di aiuto/agevolazione materiale al suicidio, per poter riconoscere al suo autore la causa di non punibilità prevista dalla sentenza. La Corte di certo non ha detto (né avrebbe mai potuto) che le Regioni debbano legiferare singolarmente sul tema, e ciò in quanto il trattamento deve essere uniforme su tutto il territorio nazionale. Tesi ribadita anche dal costituzionalista audito in Commissione che, al pari dei giuristi con i quali è stato aperto un costruttivo confronto, aveva manifestato più di una perplessità sulla proposta sotto il profilo della incostituzionalità della stessa. In questa delicata materia non vi è ‘giusto’ ed il ‘non giusto’, ma ciò che si può fare e ciò che invece è contrario alla nostra Carta Costituzionale ed in tal senso si è espresso il voto responsabile in Consiglio”.

 
 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.