Balletto “ASTOR – UN SECOLO DI TANGO” al Teatro Verdi di Brindisi

Concerto di danza della Compagnia “Balletto di Roma”

 MARIO STEFANO PIETRODARCHI

Musica dal vivo eseguita dal bandoneonista

Otto danzatori del “Balletto di Roma” e il carismatico bandoneonista Mario Stefano Pietrodarchi, venerdì 11 novembre (ore 20.30) saranno insieme sul palcoscenico del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi per rappresentare il concerto di danza “ASTOR – UN SECOLO DI TANGO”, realizzato con singolare originalità dalla nota compagnia romana in occasione del centesimo anniversario della nascita del grande compositore argentino.

L’appuntamento fa parte della XXXVII stagione concertistica “BrindisiClassica”, diretta da Silvana Libardo e Francesca Salvemini ed è organizzato dall’Associazione Musicale “Nino Rota” sotto l’egida del Ministero della Cultura e con il patrocinio della Regione Puglia, del Comune e della Provincia di Brindisi.

Lo spettacolo è un emozionante viaggio in danza, che ripercorre la storia del tango dalle origini ai nostri tempi, evocando atmosfere e sentimenti con il corale concorso delle arti in campo.  

Ispirato dalle struggenti e malinconiche note del tango, dai preziosi giochi di luci e ombre, con cui la sensibilità del grande lighting design Carlo Cerri enfatizza l’espressività musicale dei ballerini e dai contorni dei protagonisti, disegnati dai costumi Silvia Califano, il coreografo e danzatore Valerio Longo porta gli otto danzatori a compiere un viaggio trasformativo, in cui respiri e abbracci sono al centro di azioni coreografiche intense, astratte e fuse nel magico moto ondulatorio del bandoneón. 

Così il noto critico Giuseppe Distefano recensisce lo spettacolo sul sito sipario.it: Longo plasma di musicalità intrinseca i corpi dei giovani danzatori, come strumenti che riproducono l’emozione del vissuto. Sono, quei corpi, la memoria di una storia, di un viaggio passato che ci conduce all’oggi. Sono l’eco di un tempo che è anche il nostro, di partenze e di ritorni, di attese riempite e di abbracci ritrovati, di sguardi che s’incontrano, si sfiorano con un gesto e riprendono movimenti tenuti sospesi, ora finalmente espressi con energica gestualità, o con un leggero contatto che dice più delle parole. È corpo danzante anche il bandoneón live di Pietrodarchi, seduto ai lati accanto a delle piccole valigie, o posizionato in piedi al centro, dialogante con i danzatori attirati in pose di ascolto o sollecitati nel loro vibrare di gesti, di prese e lift, che riempiono lo spazio scenico componendosi in assoli nostalgici, duetti sensuali, terzetti intrecciati, insiemi di coppie, di posture spezzate o all’unisono”. 

Spettacolo da non perdere per cogliere l’opportunità di apprezzare un’opera eccellente per la perfetta omogeneità di respiro tra teatro, danza e musica, intessuta dal regista Carlos Branca, regista di spicco sulla scena internazionale, attraverso un riuscitissimo dialogo silenzioso tra grandi professionisti, che hanno creduto nel progetto e dato il massimo per omaggiare degnamente il grande musicista e compositore Astor Piazzolla.

Prenotazione e acquisto biglietti presso il Botteghino del Nuovo Teatro Verdi: tel. 0831-562554; acquisti on line: www.vivaticket.it


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.