Medici in pensione anche nel 118 di Brindisi

A seguito di un incontro avvenuto mesi fa tra i Medici di Emergenza Territoriale 118 ed il Direttore Generale della ASL di Brindisi, Dott. Flavio Maria Roseto, la stessa ASL di Brindisi si impegnava a trovare il modo di incentivare il lavoro dei professionisti, cercando anche di aprire a livello regionale ed aziendale un tavolo di trattativa con le Organizzazioni Sindacali al fine di trovare una soluzione alla fuga dei Medici 118 e contrastarne la carenza.


Ad oggi nulla è cambiato: in queste ore i Medici di Emergenza Territoriale 118 di Brindisi hanno appreso che nei PPIT 118 lavoreranno in libera professione alcuni Medici di Medicina Generale in pensione, con una retribuzione oraria pari al doppio di quella percepita dai Medici del 118 di Brindisi, come già accaduto in data odierna nel PPIT di Ceglie. Ci si chiede come mai la Asl non abbia pensato di proporre prima ai Medici del SET 118 di Brindisi
un accordo che incentivasse a contribuire alla copertura dei PPIT, visto che per competenza e professionalità sono i più idonei a garantire l’emergenza territoriale. Si ricorda, inoltre, che queste strutture non sono dei pronto soccorso ma postazioni fisse del Servizio 118, anche dette “ambulanze senza ruote” e che non hanno sempre un medico 118 in servizio, conseguenza di un organico ormai in costante riduzione per le scarse tutele contrattuali. Allo stato
attuale ci sono in organico 40 medici 118 su 85 previsti. Fino a quando non si prenderanno seri provvedimenti per dare più dignità e tutele a questa categoria, lo scenario che si prospetta è un territorio privo di medici a bordo delle ambulanze, con gravi conseguenze soprattutto per quella parte di popolazione che dovesse avere bisogno di un
tempestivo intervento a causa di patologie tempo dipendenti, come incidenti, ictus, infarti e problematiche respiratorie gravi. Ciò che dovrà gestire la ASL di Brindisi sarà sicuramente la carenza, sempre più grave, di personale medico 118, visto che altre dimissioni verranno presentate da chi è ormai deluso da una sanità e da
una politica che sembra non voler più garantire la salute pubblica.

Un gruppo di Medici 118 Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.