PORTO DI BRINDISI: DETENUTA UNA NAVE MERCANTILE APPRODATA IN PORTO.

Continua l’attività ispettiva del nucleo di Port State Control della Capitaneria di Porto di Brindisi, che nel pomeriggio di giovedì 17 novembre ha concluso un’approfondita ispezione a bordo di una nave mercantile battente bandiera panamense, procedendo al fermo amministrativo della stessa a seguito di gravi deficienze in materia di sicurezza della navigazione.

Dai controlli effettuati a bordo sono state appurate gravi irregolarità nella preparazione dell’equipaggio sulle procedure di sicurezza dell’abbandono nave. 

L’unità detenuta è una general cargo di oltre 30 anni, avente una stazza di 1512 tonnellate. 

Nel corso dell’ispezione, il personale specializzato della Capitaneria di Porto brindisina ha riscontrato diverse gravi deficienze, derivanti dal mediocre standard di sicurezza della nave, notevolmente al di sotto dei livelli previsti dalla normativa internazionale in materia di sicurezza della navigazione e tali da determinarne, quindi, il fermo amministrativo. 

La nave, attualmente ormeggiata presso la banchina “Costa Morena Nord”, rimarrà nel sorgitore brindisino fino a quando non saranno eliminate tutte le irregolarità riscontrate e potrà riprendere la navigazione in condizioni di sicurezza. 

L’attività di controllo in materia di Port State Control ha come scopo la verifica del rispetto di specifiche convenzioni internazionali e direttive comunitarie, volte ad assicurare che la navigazione marittima delle unità da traffico sia effettuata nel rispetto degli standard sviluppati a garanzia e tutela dell’ambiente marino, dei lavoratori marittimi, della sicurezza della navigazione e della salvaguardia della vita umana in mare


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.