La Protesta dei Presidenti degli Ordini Regionali dei Giornalisti contro la “Legge Bavaglio” del Governo

I presidenti degli Ordini regionali dei giornalisti, tra cui spicca la figura di Piero Ricci dell’Ordine della Puglia, hanno recentemente unito le loro voci in una nota condivisa, esprimendo preoccupazioni significative riguardo agli ultimi provvedimenti del Governo.

In particolare, il focus della loro inquietudine è l’approvazione dell’emendamento Costa alla legge di delegazione europea, comunemente definita come la “legge bavaglio”.

Il cuore della controversia ruota attorno al divieto di pubblicazione “integrale o per estratto” del testo dell’ordinanza di custodia cautelare, un punto che, secondo gli esponenti degli Ordini regionali dei giornalisti, minaccia direttamente il diritto di cronaca. La nota condivisa sottolinea il loro sostegno alle preoccupazioni già espresse dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti e dalla Fnsi (Federazione nazionale della stampa italiana), evidenziando le minacce percepite afferenti al diritto di informazione.

La protesta dei presidenti non si limita alle sole parole di solidarietà; essi condividono attivamente le iniziative di protesta che sono state promosse nelle ultime ore. Tale unità d’intenti è un segno chiaro della preoccupazione diffusa tra i professionisti dell’informazione riguardo a quanto contenuto nella legislazione recentemente approvata.

La nota culmina con una netta dichiarazione di dissenso nei confronti del provvedimento, etichettandolo come una “legge bavaglio”. I presidenti si uniscono alla richiesta di non approvare la misura, ritenendo che essa costituisca una minaccia diretta al diritto dei cittadini di essere informati, specialmente in ambito giudiziario.

In un periodo in cui la difesa della libertà di stampa è cruciale, l’unione degli Ordini regionali dei giornalisti riflette l’importanza di proteggere il ruolo fondamentale dei media nella società e di garantire che i cittadini abbiano accesso a un’informazione completa e trasparente. La lotta contro la “legge bavaglio” continua a essere al centro dell’attenzione, poiché giornalisti e professionisti dell’informazione si mobilitano per difendere i principi democratici che sono alla base di una società informata e partecipativa.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: