CronacaFasanoItalia

FASANO: FRANTOIO SVERSA ILLEGALMENTE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI, SCATTANO DENUNCIA E SEQUESTRO

">

Il Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Guardia Costiera di Brindisi, sotto il coordinamento del C.C.A.M. (Centro di Coordinamento Ambientale Marino) della Direzione Marittima di Bari, ha effettuato un controllo presso un frantoio oleario presente sul territorio del Comune di Fasano. 

La verifica ha evidenziato l’esistenza di un escavo non a tenuta stagna di circa 400 mq avente una profondità di 2 metri, realizzato ad una distanza di circa 200 metri in un terreno adiacente il frantoio, nel quale venivano scaricate, tramite una tubazione in plastica senza soluzione di continuità e con diversi punti di percolazione, le acque di lavorazione delle olive. Le stesse oltre a percolare nel terreno, veniva convogliate, tramite l’utilizzo di una pompa di sollevamento sommersa, alla quale era collegata una tubazione in plastica corrugata, nei terreni adiacenti.

I militari hanno proceduto al sequestro preventivo dell’area interessata dallo scavo, nonché di tutto l’impianto di scarico e spandimento, inoltre hanno deferito all’autorità giudiziaria, in stato di libertà, l’amministratore della società che gestisce il frantoio, sia per il reato di abbandono/deposito illecita di rifiuti liquidi che per il reato di scarico di rifiuti liquidi in assenza di autorizzazione.

E’ tuttora in corso, su tutto il territorio provinciale, il controllo da parte dei militari della Guardia Costiera, rivolta soprattutto alla verifica del rispetto delle norme a tutela dell’ambiente da parte dei frantoi oleari.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: