BrindisiFocusItalia

Emergenza Covid: L’appello per il Reinserimento dei Lavoratori Dimenticati della Sanità Service Brindisi

">

Un azione comune e decisa a tutela dei dimenticati lavoratori della Sanità Service Brindisi impiegati presso i Centri Vaccinali durante l’ emergenza Covid che con tanta professionalità e dedizione furono determinati per fronteggiare l’ emergenza Sanitaria di quel triste periodo.
Dopo giorni e giorni di presidio dinanzi al Di Summa, illusi da falsi profeti, illusi da chi in Regione Puglia rappresenta la Maggioranza di Governo, dimenticati a chi avevano dato mandato di delega, oggi quei lavoratori finita l’ indennità di Disoccupazione sono nella completa disperazione.
Ciò che in altre Provincie è stato possibile a Brindisi diviene impossibile, nonostante un piano di fabbisogno del personale che fa emergere le grandi criticità nei servizi che gravano sugli utenti,l. 
Nulla e poi nulla viene viene fatto per il reinserimento di questi Lavoratori a cui con un immenso grazie beffardo furono esclusi da ogni forma di tutela. I Consiglieri Regionali di questa Provincia, il Presidente della Commissione Sanità Dott. Vizzino, mettano subito in piedi un iniziativa con un tavolo Regionale che ridia alla nostra Città pari dignità e ai nostri lavoratori una nuova opportunità che riconoscendo il sacrificio fatto porti ad un immediato reinserimento nel contesto della Sanità Service Brindisi.
Abbiamo una responsabilità di tutela del servizio e dei lavoratori, aver buttato nella spazzatura queste persone un gesto di grande ingratitudine che nasconte altri interessi e percorsi oscuri sulla gestione delle risorse.
 
          Il Segretario Generale Confederale Confial Provincia Brindisi 
                Saponaro  Ercole


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: