BrindisiCronacaIn EvidenzaItalia

Carabinieri trattati come bestie al G7 di Brindisi: UNARMA chiede giustizia e rispetto

">

Durante l’evento del G7 a Brindisi, si è verificata una situazione inaccettabile che ha suscitato profonda preoccupazione all’interno della comunità dei Carabinieri. Il video diffuso ha rivelato un totale disprezzo per il benessere e la dignità del personale delle forze dell’ordine, che è stato trattato con disumanità e privato dei servizi più basilari per ore interminabili.

Il Segretario Generale di UNARMA, Antonio Nicolosi, ha espresso queste preoccupazioni sottolineando la mancanza di coordinamento tra la Questura e i Carabinieri per l’accreditamento, che ha generato caos e confusione. Numerosi Carabinieri sono stati esclusi dall’imbarco senza alcuna giustificazione, creando ulteriore disagio e mettendo a repentaglio la salute e la sicurezza del personale.

La disorganizzazione ha portato a un’attesa prolungata, durante la quale i Carabinieri sono stati privati di servizi basilari come bagni e accesso all’acqua potabile, costretti a sopportare il caldo sotto un capannone rovente. Questa situazione non solo ha arrecato disagio fisico, ma ha anche danneggiato la morale e il senso di rispetto nei confronti delle forze dell’ordine.

UNARMA chiede un’indagine immediata e trasparente su queste criticità, esigendo che vengano adottate misure immediate per garantire che simili episodi non si ripetano in futuro. È fondamentale assicurare che il personale delle forze dell’ordine sia trattato con dignità e rispetto in ogni situazione, specialmente durante eventi di così grande portata come il G7.

Il grido di giustizia e rispetto per i Carabinieri trattati come bestie a Brindisi durante il G7 è un monito che richiama l’attenzione sulle condizioni in cui operano coloro che sono chiamati a proteggere e servire la comunità. La loro sicurezza e il loro benessere devono essere una priorità assoluta, e eventi come questo devono essere oggetto di indagine e correzione immediata per garantire che non si ripetano mai più.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: