BrindisiFocusItalia

BRINDISI.ASSALTO AL PORTAVALORI: I SINDACATI CHIEDONO UN INCONTRO URGENTE AL PREFETTO

">

Le segreterie sindacali territoriali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil manifestano profonda preoccupazione per l’ennesimo episodio di violenza consumato stamani, lungo la SS  613 che collega Brindisi a Lecce, a danno di cinque lavoratori impiegati nel servizio portavalori.

Il blindato della Btv – gruppo Battistoli  è stato preso di mira da rapinatori armati di fucili mitragliatori mentre bossoli, anche militari, sono risultati disseminati sull’asfalto nel raggio di diversi metri.

L’episodio ha, chiaramente, messo in pericolo l’incolumità di questi lavoratori ai quali si esprime solidarietà e vicinanza, nella consapevolezza che solo la mera fatalità non ha determinato conseguenze drammatiche. 

La frequenza con cui tali eventi si verificano, in Puglia, merita una riflessione sulla sicurezza dei servizi svolti dalle Guardie Particolari Giurate. 

Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil territoriali ribadiscono, con forza, che non si può rischiare la vita per il lavoro e che occorre intervenire in maniera energica e sinergica, a tutti i livelli, per prevenire i rischi connessi all’attività delle GPG. 

Il rischio è certamente insito nella loro attività ma, in ogni caso, vanno create le condizioni perché tale rischio sia ridotto il più possibile.

Le aziende del settore devono garantire, dal canto loro, standard di sicurezza sempre più efficaci evitando di gestire le attività con l’esclusiva  logica del massimo risparmio e della riduzione dei costi.

E’ quanto sarà rappresentato, dagli stessi sindacati, al Prefetto di Brindisi al quale hanno formalizzato la richiesta di essere convocati con urgenza.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: