Calcio a 5, Il Futsal Messapia Brindisi è in finale di Coppa Italia!

“Sono diffidato, ma se dovessi essere ammonito per andare in finale, non esiterei a prendermi il giallo” sono le parole di Marco Perseo, il calcettista più talentuoso del Futsal Messapia Brindisi (e non solo), rivolte a chi gli chiedeva durante il riscaldamento di cautelarsi in ottica Martina Franca.

Una frase che racchiude cos’è lo spirito dei biancoazzurri quest’anno, la qualità a servizio del collettivo e viceversa, che è sicuramente la base dell’ottimo cammino dei biancoazzurri sinora in stagione, culminato con la prestigiosa partecipazione all’ultimo atto della fase regionale della Coppa Italia. Fortunatamente non è stato necessario il “sacrificio” disciplinare non solo di Perseo, ma neanche di Cigliola e di Mandorino, gli altri che avrebbero potuto saltare la finale in caso di ammonizione.
Il Messapia Brindisi fa sua la partita con l’Atletico Cassano vincendo per 5-2, con gli ospiti privi degli squalificati Ramos e Vera, ma che schierano subito in campo i neoacquisti Lacasella e Urgesi, entrambi già in buona vena. Nei brindisini, invece, oltre all’assenza di Valerio Zaccaria, il cui rientro è previsto a breve, non mancano i giocatori che stringono i denti, in particolare il portiere Mandorino e Tomassini, con l’inserimento in distinta in dubbio sino all’ultimo.
Il match lo sblocca Perseo realizzando un rigore al 12’ poi il Cassano gioca meglio negli ultimi dieci minuti della prima frazione e pareggia al 24’ con Lacasella. Nella ripresa il Messapia ritorna all’intensità iniziale e al 34’ va in rete con una potente conclusione dalla distanza di Tomassini. Il terzo gol arriva al 41’ con Cigliola che strappa un pallone fuori dalla propria area e s’invola verso quella avversaria segnando di prepotenza. Qualche minuto dopo l’unica nota stonata della serata con Caselli che incespica sulla sfera e sbatte il ginocchio a terra: sostituzione immediata e trasporto in ospedale. Nella notte i primi accertamenti, con la presenza massiccia di dirigenti e compagni di squadra, tendono ad escludere particolari conseguenze, ma lo spavento è stato tanto. Nell’epilogo del match gli ospiti provano la carta del portiere di movimento, ma la tattica favorisce le marcature di Calderaro al 57’ e di Romano al 60’, prima dell’ultimo punto ad opera di Lacasella nell’ultimo dei tre minuti di recupero.
Il Futsal Messapia Brindisi in finale, il prossimo 16 dicembre, affronterà l’Aquile Molfetta che vince ai rigori sul campo del Futsal Capurso, dopo essersi imposta per 3-2 nei tempi regolamentari, lo stesso punteggio con il quale aveva perso in casa all’andata.
“Dedichiamo la vittoria a Giammarco Caselli e al pubblico che ci ha sostenuto per tutta la partita – il commento del capitano Alessio Zaccaria -. Siamo felicissimi per aver conquistato la finale che ora vogliamo vincere e rendiamo onore al Cassano che se l’è giocata sino all’ultimo minuto”.
Sabato prossimo i biancoazzurri saranno di scena nuovamente al “Da Vinci” (ore 16, ingresso libero) ospitando il Real Five Carovigno per la quattordicesima giornata del campionato di Serie C1.

Futsal Messapia Brindisi
1 Mandorino (p), 4 Macaolo, 6 Zaccaria A. (cap.), 8 Caselli, 9 Cigliola, 10 Tomassini, 11 Romano, 12 Perseo, 16 Putignano (p), 18 Discanno, 19 Calderaro, 22 Frattini (p). All. Di Serio C.. Dir. Ribezzi.
Marcatori: Calderaro, Cigliola, Perseo, Romano e Tomassini.
Ammonito: Zaccaria A.

Ritorno Semifinali Coppa Italia
Futsal Capurso-Aquile Molfetta 2-3 d.c.r. (2-3; and. 3-2), Futsal Messapia Brindisi-Atletico Cassano 5-2 (and. 2-2).
La finale Aquile Molfetta-Futsal Messapia Brindisi si disputerà martedì 16 dicembre 2014 (ore 21) al “PalaWojtyla” di Martina Franca.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: