L’irriverente drag queen Tekemaya al MaliSud – music soul di Corigliano l’8 gennaio

Uno spettacolo unico con l’artista tutor del progetto GiraVolta che vede protagonisti i detenuti del carcere di Brindisi


La sua voce, il suo stile e il suo innato carisma hanno lasciato il segno in ogni esibizione. Domani mercoledì 8 gennaio Tekemaya, al secolo Francesco Bovino, la irriverente drag queen della provincia di Lecce e artista che ha fatto tanto parlare di sé per le sue straordinarie doti canore, arriva al MaliSud – music soul di Corigliano in trio con Paco Carrieri alle tastiere e Giulio Rocca alla batteria.

I grandi classici delle icone italiane saranno reinterpretati con la verve e l’incredibile energia che hanno consacrato Tekemaya come una delle artiste rivelazione dell’anno.

Tekemaya è impegnata come tutor, inoltre, in un bellissimo progetto, dal nome GiraVolta, che coinvolge i detenuti della casa circondariale di Brindisi e diventerà un factual Tv a puntate. Una performance di teatro-danza e video in cui i detenuti sono trasformati in drag queen per raccontare storie di vita e affrontare temi come l’amore, la fragilità, il sentimento, le paure con coraggio e lucida follia.

La direzione artistica è di Titti Stomeo.

Il MaliSud – music soul è un luogo il cui nome ne suggerisce l’essenza: un’anima musicale che si svela di settimana in settimana, quando la musica diventa un regalo prezioso, quasi una sorpresa.

Ogni dettaglio è stato curato con pazienza e passione per accogliere il pubblico in un vero e proprio abbraccio, per dare vita a un luogo in cui “stare bene”, dove poter degustare cibi, birre e vini, liquori e distillati selezionati secondo la qualità più alta.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.