Saldi. Primo bilancio di CasaImpresa

Francesca Intermite, Presidente CasaImpresa Taranto: “Per aiutare il commercio,  soprattutto di prossimità, e sfruttare pienamente l’opportunità offerta dai saldi, vanno introdotte regole che consentano  ai negozianti  di lavorare con serenità ed in maniera ordinata.


Ovviamente, al tempo stesso bisogna rendere piacevole il momento dello shopping: i potenziali acquirenti vanno messi in condizione di passeggiare tra i negozi e valutare tranquillamente cosa e se comprare. Per questo  devono poter usufruire di spazi per il parcheggio non troppo costosi”.

Angelo Pignatelli, CasaImpresa Taranto: “Decisamente non un buon inizio. Il fatto che in altre Regioni i saldi sono partiti nei primi giorni di luglio, e qui con venti giorni di ritardo, ha certamente influito sul primissimo bilancio. Andrebbe scelto lo stesso giorno di inizio in tutta Italia. Ovviamente pesa moltissimo anche la mancanza di correttezza che caratterizza alcuni commercianti che, prima chiedono di posticipare i saldi, ma poi non esitano a farli sottobanco. La stagione dei saldi non può più essere come 15 anni fa; oggi i clienti comprano  on line in sicurezza, approfittando di promozioni e sconti sempre attivi e beneficiando di tempi di consegna velocissimi. Non è possibile competere.
Ritengo dunque che vadano semplicemente eliminati. La salvezza del commercio, a mio parere, è la liberalizzazione”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.