Ceglie Messapica: Non chiude l’ospedale di comunità

A seguito dell’incontro odierno con il Direttore Generale dell’ASL BR  dott. Pasqualone, sono state affrontate le problematiche relative al paventato rischio di chiusura, seppur temporanea, dell’Ospedale di Comunità di Ceglie Messapica allocato al secondo piano per far posto alla Comunità Alloggio di Cisternino, Tommaso Gioia (esponente del Movimento “Con Emiliano”) ha voluto ribadire la ferma opposizione a qualsiasi iniziativa che possa ridimensionare l’offerta sanitaria per la comunità di Ceglie Messapica.

Il Dott. Pasqualone  ha garantito allo stesso Gioia che l’Ospedale di Comunità non chiude e si è impegnato a utilizzare la struttura dell’ex Dispensario di Via S: Antonio Abate per allocare provvisoriamente la Comunità Alloggio di Cisternino. Sempre nell’ottica di migliorare l’offerta sanitaria alla comunità cegliese e dei paesi vicini si è convenuto che l’Ospedale di Comunità oltre a non chiudere verrà trasferito al V piano della nostra struttura e lo stesso passerà  da 12 posti a 20 posti letto. Tutto sarà possibile grazie al  reperimento di una risorsa pari a 100mila euro necessaria ad adeguare il piano in questione: naturalmente, tutto dovrà fare i conti con i tempi tecnici che si auspica siano molto brevi. “Ma vigileremo – assicura Tommaso Gioia – affinché i lavori di adeguamento avvengano in tempi brevi. Continuerò  – conclude Tommaso Gioia – a garantire tutto il mio impegno affinché i cegliesi possano usufruire quei livelli di assistenza a cui abbiamo diritto”. Intanto a breve inizieranno i lavori, già appaltati e assegnati, per la ristrutturazione esterna della struttura cegliese. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.