IN ARRIVO MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DE LIETO LI.SI.PO.: AUSPICHIAMO PIU’ PREVENZIONE

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini si appresta ad effettuare una rivisitazione del Codice della Strada.

Sembrerebbe che le modifiche, riguarderanno la patente, l’utilizzo degli autovelox, e la circolazione di bici e monopattini. Parrebbe per quanto riguarda gli autovelox che il vicepremier voglia disciplinare l’utilizzo degli autovelox sulle arterie di competenza dei Comuni. Così ha dichiarato il segretario generale naz.le del Libero Sindacato di polizia (LI.SI.PO.) Antonio de Lieto: Ben vengano le modifiche al C.D.S. che il ministro Salvini vuole apportare. Modifiche a giudizio del LI.SI.PO. che sembrerebbero favorire la prevenzione. Per quanto riguarda eventuali modifiche circa l’utilizzo dell’Autovelox, nel rispetto delle opinioni di tutti, ho sempre creduto che, soprattutto in materia di circolazione stradale, la “prevenzione” sia l’unico strumento valido per affrontare e risolvere i problemi. In sintesi, la cosa migliore, è il mettere in atto tutti quegli accorgimenti, per evitare che l’utente “sbagli” e venga sanzionato. Non credo ha proseguito de Lieto – che ad un numero rilevante di autovelox, corrisponda maggiore sicurezza, anzi credo che stress e tensione del guidatore, creino condizioni di insicurezza e portino alla violazione di norme relative alla circolazione stradale.  L’autovelox, in sé stesso, è uno strumento meramente repressivo, che lascia dubbi e perplessità, tant’è che in passato sono state emanate specifiche circolari che puntualizzavano dettagliatamente, modalità di impiego e di posizionamento. È risaputo che è in crescita la statistica degli incidenti stradali, a tal riguardo, è necessario assicurare una presenza visibile di pattuglie preposte alla vigilanza stradale sul territorio. Al riguardo – ha rimarcato de Lieto – anche i Vigili Urbani sono chiamati a tale compito istituzionale. La repressione a tutti i costi certamente non contrasta il fenomeno, l’utilizzo indiscriminato dell’autovelox – a parere del LI.SI.PO. – serve solo a far cassa. È inaccettabile l’azione repressiva che puntualmente viene attuata dagli addetti al settore per l’accertamento del superamento del limite di velocità. Tutto ciò – ha rimarcato de Lieto – è un vero e proprio schiaffo alla prevenzione. Le insidie della strada sono tante, come tanti sono i reati che si verificano sulle strade e la presenza di pattuglie preposte alla vigilanza stradale (Vigili Urbani compresi) deve essere sempre più capillare, privilegiando la prevenzione e non la repressione a tutti costi. La forte crisi che si è abbattuta sulle famiglie italiane – ha concluso de Lieto – costringe a razionalizzare i consumi e a tagliare non solo il superfluo ma anche il necessario. Una situazione che si aggrava ogni giorno di più e che si ripercuote pesantemente sulla qualità della vita delle famiglie. Difficoltà a pagare i mutui, gli affitti, il boom dei prestiti, sono il polso di una situazione economica in rapido declino che deve far riflettere tutti, ma in primo luogo deve far riflettere lor signori che puntualmente predispongono servizi di autovelox.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: