PUGLIA, FURORE (M5S): UE INTERVENGA SUL RIGASSIFICATORE NEL PORTO DI BRINDISI

 “Il rigassificatore di Brindisi non rispetta le normative europee e andrebbe chiuso”, è netta la posizione di Mario Furore, europarlamentare del Movimento 5 Stelle sull’impianto Edison nel porto di Brindisi. 
 
 “L’autorizzazione da parte del Ministero della transizione ecologica per l’installazione e l’esercizio del deposito di gas GNL è stata infatti emessa senza la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale e senza un’adeguata valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza dei cittadini. Non a caso gli enti locali – Comune e Provincia di Brindisi – hanno espresso il loro parere sfavorevole, evidenziando a loro volta la mancata compatibilità ambientale e il rischio di incidenti rilevanti. Insieme alla collega Maria Angela Danzì e sollecitati dal nostro consigliere comunale Roberto Fusco, abbiamo presentato una interrogazione alla Commissione Europea chiedendo di valutare se l’impianto stesso è in contrasto con la normativa comunitaria. Persino il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha rilevato la non idoneità del sito e si è rivolta alla Commissione chiedendo di aprire un’istruttoria per verificare il rispetto della direttiva Habitat e Seveso. L’impianto Edison si trova infatti nella banchina Costa Morena Est, adiacente al corridoio ecologico del Sito Natura 2000 Punta della Contessa. Quello del brindisino è un territorio già duramente penalizzato in passato, merita invece di essere valorizzato e tutelato con investimenti sul turismo, i trasporti e la sanità. Peccato invece che il governo Meloni pensi solo agli affari col gas”, conclude Furore.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: